Anche Bing nel diritto all’oblio

Bing, il motore di ricerca di Microsoft, segue la scia di Google per quanto riguarda il diritto all’oblio. Nelle ultime ore è stata infatti aperta una pagina web in cui sarà possibile richiedere alla stessa Microsoft di far scomparire dai risultati di ricerca di Bing informazioni “inadeguate, irrilevanti o non più pertinenti, o eccessive”.
##BANNER_QUI##
La sentenza di metà maggio delle Corte europea ha infatti reso Google e gli altri motori di ricerca dei veri e propri “giudici” dei risultati di ricerca provenienti dal web. Un compito assai difficile poiché ci si ritrova spesso sul filo del rasoio tra liberà di informazione e contenuti gonfiati dalla rete.

Nonostante Bing non sia così popolare come Google, protagonista di oltre 70mila richieste ricevute in meno di un mese, ci sarà un bel lavoro da fare e siamo sicuri che non mancheranno le polemiche…

Se siete interessanti al mondo della telefonia raggiungeteci sui nostri canal social per rimanere sempre aggiornati Facebook | Twitter