Anche Google ha i suoi droni

Google è al lavoro su Project Wing, un sistema basato sull’utilizzo di droni che, volando a bassa quota, sono in grado di consegnare oggetti fino a un peso massimo di 10 Kg. Big G ha cominciato la sperimentazione in Australia, dove la scarsa densità favorisce i test eliminando il rischio che i droni incappino in qualche ostacolo, e i risultati sono stati incoraggianti. I robot volanti sganciano il pacco utilizzando una fune così da evitare di dover atterrare, salvaguardando così la propria incolumità ma anche quella di chi dovesse trovarsi nelle vicinanze della zona di sgancio.
 ##BANNER_QUI##
L’idea alla base di Project Wing è quella di utilizzare i droni per la consegna di materiali in caso di necessità, dal cibo in seguito a un disastro ambientale, a un defibrillatore in caso di un urgenza medica. Di certo è facile ipotizzare che Google possa voler utilizzare i robot per consegnare prodotti di ogni tipo, cosa che apre interessanti scenari legati all’e-commerce. D’altra parte anche Amazon sta lavorando sulla possibilità di utilizzare i droni per recapitare la merce acquistata dai clienti. In un futuro nemmeno troppo lontano i nostri cieli saranno solcati da un numero sempre più elevato di oggetti volanti?