Apple Music: Taylor Swift fa cambiare idea alla Mela

Taylor Swift, nota stella americana della Pop music, è riuscita a fare cambiare idea ad Apple circa la decisione di non pagare le royalties agli artisti durante i primi tre mesi di prova del servizio Apple Music. Annunciato in occasione dello scorso WWDC 2015, Apple Music ha ricevuto le critiche della Swift preoccupata per i mancati incassi da parte delle etichette indipendenti che sarebbero sicuramente state più danneggiate rispetto alle major dell’industria discografica.

“Sono sicura che siete al corrente che Apple Music offrirà una prova di 3 mesi gratis a coloro che si iscriveranno al servizio. Non sono altrettanto sicura che sappiate che Apple Music non pagherà scrittori, produttori o artisti nel corso di questi tre mesi. Lo trovo scioccante, deludente e completamente insolito per una società storicamente progressista e generosa.”

“Ma io dico ad Apple, con tutto il rispetto, che non è troppo tardi per cambiare questa politica e cambiare il pensiero verso quelli del mondo della musica che saranno profondamente e gravemente colpiti da questa decisione. Noi non vi chiediamo iPhone gratis. Per favore, non chiedete di dare la nostra musica gratuitamente.”

Dichiarazioni importanti
capaci di fare cambiare idea ad Eddy Cue, Senior Vice President degli Internet Software di Apple, che ha poi annunciato su Twitter la decisione della società di Cupertino di pagare gli artisti anche durante il periodo di prova.

Apple Music arriverà il prossimo 30 giugno su tutti i dispositivi della Mela morsicata lanciando la sfida a Spotify, un servizio di musica in streaming analogo divenuto famoso per poter essere utilizzato anche in maniera gratuita ma con degli spot pubblicitari tra una canzone e l’altra. Apple Music, invece, non offrirà nessuna pubblicità ma richiederà dal canto suo un abbonamento mensile di 9.99 euro per farvi accedere agli oltre 30 milioni di brani della libreria digitale.
##BANNER_QUI##