Arrivano i chioschi automatici di 3

Il gestore mobile del gruppo Hutchison Wampoa lancia i nuovi “3 Fast Shop“, chioschi interattivi che permettono agli utenti di acquistare e attivare una Usim ricaricabile, chiedere la portabilità del numero, ricevere assistenza dall’operatore collegato in videochiamata e, in futuro, di acquistare uno smartphone. Il tutto accompagnati dalla competenza di un operatore collegato in remoto.

Il progetto pilota “3 Fast Shop”, unico al momento sul mercato italiano, è già attivo in provincia di Milano al centro commerciale “Carosello” di Carugate mentre nei prossimi giorni sarà disponibile anche al centro commerciale “Fiordaliso” della vicina Rozzano.
 
L’obiettivo è quello di testare l’impatto sul pubblico di una modalità di vendita innovativa che – in caso di valutazione positiva – permetterà di rendere ancora più capillare la presenza sul territorio della rete di vendita di 3, già forte di oltre 1.500 negozi.
##BANNER_QUI##
Acquistare un prodotto di 3 con il chiosco interattivo è semplice: attraverso il monitor HD della vending-machine i clienti si collegano in videochiamata con un operatore remoto che si occuperà di raccogliere per mezzo della camera HD di cui è dotata la macchina i documenti necessari all’attivazione della nuova utenza. Sempre attraverso il chiosco, il cliente può pagare e ritirare la Usim in maniera automatica grazie alle funzionalità interattive offerte dalla vending-machine.
 
Con questo progetto vogliamo aumentare le occasioni di contatto con i clienti, semplificare e velocizzare la loro esperienza di acquisto, continuando ad offrire la competenza e la qualità che contraddistinguono i nostri punti vendita“, ha dichiarato Massimilano Zuco, Sales Vice President di 3 Italia. “Costi contenuti e rapidità di installazione rendono le vending-machine un canale ad alto potenziale, complementare ai negozi tradizionali, che può aiutarci ad estendere la rete vendita in maniera ancora più capillare sul territorio. Ad esempio, in luoghi come stazioni, aeroporti, ospedali, università e piccoli centri commerciali“, ha concluso Zuco.