Pokemon Go
[easy-social-share buttons="facebook,whatsapp,twitter,mail,telegram" counters=0 style="icon" bottombar="yes" only_mobile="yes" fullwidth="yes" column="yes" columns="5" template="metro-retina"]

Condannato per omicidio l’uomo che giocava a Pokemon Go

Utilizzare il cellulare mentre si guida non è mai una buona idea. Giocare a Pokemon Go al volante ancora meno. Se lo ricorderà per sempre Keiji Goo, un agricoltore giapponese di 39 anni che, il 23 agosto, stavo giocando al titolo Nintendo mentre guidava il suo autocarro. La distrazione è stata fatale perché l’uomo ha investito e ucciso una donna di 72 anni e ne ha ferita un’altra. Il fatto è avvenuto nella città di Tokushima.

La condanna di Pokemon Go

In questi giorni il signor Goo è stato processato e condannato a 14 mesi di reclusione. L’accusa aveva chiesto una condanna superiore. Il giudice, nel pronunciare la sentenza, ha messo l’accento sulla grave negligenza dell’uomo mentre si trovava al volante. E l’attenzione dedicata a Pokemon Go gli ha impedito di accorgersi delle due persone che attraversavano la strada. L’avvocato difensore ha annunciato che l’uomo non presenterà ricorso.

Dal giorno del lancio dell’app di Nintendo, solamente in Giappone, sono state tre le vittime di un incidente causato dalla distrazione di chi, invece di concentrarsi sulla guida, cercava i Pokemon da catturare…

Postato in GamesTaggato [easy-social-share buttons="facebook,twitter,google,pinterest,linkedin" counters=0 style="button" hide_mobile="yes"]

Lucio Prosperi

Giornalista e scrittore, si occupa di tecnologia dal 1998, anno in cui ha cominciato a lavorare per alcune riviste di videogiochi per poi approdare, nel 2005, in Toppress e specializzarsi nell'hi-tech mobile. Grande appassionato di calcio e cinema, nel 2009 ha pubblicato il suo primo romanzo: Cintura Nera di Preliminari.