Droni biodegradabili in cantiere

Continuano a tenere banco i droni, velivoli comandati a distanza e ormai impiegati in innumerevoli campi e applicazioni.
I più famosi fino ad ora erano quelli utilizzati in guerra ma finalmente ne arrivano di nuovi anche per scopi più nobili e utili. L’ultimo in ordine di tempo è quello ideato da alcuni studenti universitari americani. La particolarità principale è quella di essere completamente biodegradabile e quindi particolarmente adatto per monitorare zone protette come riserve e oasi naturali.

Presentato al concorso International Genetically Engineered Machine (Igem) è stato realizzato dalla società americana Ecovative Design, specializzata in imballaggi e oggetti biomateriali. E infatti il dreno è composto da una scocca realizzata con una stampante 3D con un telaio di fibre di funghi, mentre i circuiti stampati sono a nano particelle d’argento. Insomma, anche se si perdesse in mezzo alla giungla o nell’artico, verrebbe smaltito con una certa facilità.
##BANNER_QUI##
Se siete interessanti al mondo della telefonia raggiungeteci sui nostri canali social per rimanere sempre aggiornati Facebook | Twitter

Postato in Senza categoria

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" lavora come giornalista da quasi 20 anni. È stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia nel 2005. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar