È iniziata l’era dei processori a 64 bit

Gli smartphone a 64 bit rappresentano il futuro della mobile technology e stanno diventando sempre più popolari. I primi a darsi da fare in questo senso, insieme a Apple con il suo iPhone 6 equipaggiato con chip A8 che può contare su ben 2 miliardi di transistor;sono i produttori cinesi che prediligono l’uso di chipset MediaTek. Qualcomm continua a detenere un ruolo di alto livello anche se MediaTek realizza processori di qualità e molto convenienti, caratteristica apprezzata dai brand che vogliono mantenere i prezzi bassi per i propri smartphone. MediaTek offre una gamma vasta di chip alcuni dei quali in grado di assicurare performance elevate come i processori a 64 bit MT6595 e MT6795.

L’MT6795 è il nuovo chip octa-core a 64 bit firmato MediaTek che supporta fino a 2.2 GHz. Interessante il processore MediaTek MT6752, un octa-core con CPU ARM Cortex-53 a 2.0 GHz e una GPU Mali-T760.Tra i dispositivi a 64 bit che meritano attenzione per il mix prestazioni/prezzo economici sono i “cinafonini” Meizu MX4, UMi Zero, IUNI U3 e Zopo Z999, tutti destinati a competere con i colossi del settore. Al momento non è ancora noto quali di questi modelli raggiungeranno l’Europa.