E-reader spariranno in favore dei tablet

Come molte testate hanno riportato, secondo uno studio di www.reportsnreports.com entro il 2018 il 26,3% dei libri venduti nel mondo saranno in formato digitale, affermazione che ci sentiamo di condividere. Sempre secondo alcuni esperti i tablet, la cui diffusione sarebbe stata frenata dai phablet (altra affermazione verosimile ma da valutare con attenzione) starebbero inoltre per decretare il declino degli e-reader, esattamente come hanno fatto con i Pc. I motivi della “cannibalizzazione” sarebbero da imputare alla maggiore versatilità dei tablet (vero) e alle ridotte capacità di navigazione sul Web degli e-reader (verissimo).

È però anche vero che gli e-reader, grazie all’inchiostro elettronico, consentono un’autonomia immensamente superiore a quella dei tablet e non affaticano per nulla la vista. Inoltre garantiscono una leggibilità, anche in presenza di luce solare diretta, non paragonabile alla controparte tablet.
Insomma, gli e-reader sono carenti in alcune funzioni ma offrono vantaggi che per il momento i tablet non possono eguagliare. Ergo, a meno di soluzioni tecniche rivoluzionarie, gli e-reader continueranno ad avere il loro mercato. Senza contare che tablet ed e-reader non sono due dispositiv rivali ma, proprio per quanto appena affermato complementari, visto che “navigano” in fasce di prezzo completamente differenti.

Se siete interessanti al mondo della telefonia raggiungeteci sui nostri canali social per rimanere sempre aggiornati Facebook | Twitter

Postato in Senza categoria

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" lavora come giornalista da quasi 20 anni. È stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia nel 2005. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar