La donna del ritratto

Film (classic) per il weekend: La donna del ritratto #17

  • Titolo: La donna del ritratto
  • Genere: Noir
  • Anno: 1944
  • Durata: 1 ora e 47 minuti
  • Regista: Fritz Lang
  • Attori principali: Edward G. Robinson, Joan Bennett, Raymond Massey, Edmund Breon

 

Uno stimato professore, durante l’estate, saluta la famiglia in partenza per le vacanze e resta da solo in città, con l’intenzione di trascorrere le sue giornate in modo tranquillo, tra letture e conversazioni con gli amici al club. La sua rassicurante esistenza subisce una prima scossa quando, passando davanti alla vetrina di un negozio d’arte, nota un ritratto di una bellissima donna dai capelli lunghi e dallo sguardo magnetico.

A questo punto il regista – che è Fritz Lang, lo stesso di Metropolis – sfruttando la sua abilità nell’allargare e stringere le inquadrature e il montaggio, riesce nella non facile impresa di fondere realtà e sogno catapultando il protagonista (e lo spettatore) in un mistero perfettamente contenuto all’interno dei confini del noir. E gli elementi classici di questo genere ci sono tutti: dalla femme fatale – la donna del ritratto che diventa reale in un gioco di riflessi tra il quadro esposto e la vetrina – alle tentazioni di cui il professore è vittima, dall’omicidio dell’amante troppo geloso all’occultamento del cadavere. E così, l’ingenuo protagonista finisce vittima di un gioco più grande di lui, un gioco che lo porterà a sprofondare e a vedere le certezze di una vita “tranquilla” disgregarsi pezzo dopo pezzo.

La donna del ritratto

L’obiettivo che si pone Fritz Lang è quello di evidenziare come un singolo evento all’apparenza banale, possa in realtà avere un effetto perfino devastante sulla vita di una persona. Di come l’animo di un uomo candido possa facilmente corrompersi  nel momento in cui vengono a crearsi i presupposti sbagliati e si supera il confine tra ciò che è moralmente giusto e ciò che non lo è. E il sovrapporsi tra realtà e sogno (che presto diventa un incubo) rende al meglio questo lento precipitare. La donna del ritratto è un fulgido esempio del cinema del regista austriaco, un altro tassello del suo modo di intendere la settima arte. E un film perfetto per ogni appassionato di cinema che voglia definirsi tale.

Il mio voto è: 8

Potete acquistare la versione Dvd de La donna del ritratto su Amazon.

Lucio Prosperi

Giornalista e scrittore, si occupa di tecnologia dal 1998, anno in cui ha cominciato a lavorare per alcune riviste di videogiochi per poi approdare, nel 2005, in Toppress e specializzarsi nell'hi-tech mobile. Grande appassionato di calcio e cinema, nel 2009 ha pubblicato il suo primo romanzo: Cintura Nera di Preliminari.