Google I/O: Android sarà ovunque

Google parte con il botto. Sono infatti tantissime le novità presentate in poco più di 2 ore di Keynote che ha visto diversi protagonisti tra cui: Android L, Android Wear, Android Car, Android TV, Chromecast, Google Fit e molti altri. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di fare chiarezza.
##BANNER_QUI##

Android L


Android L è la nuova versione del robottino verde, una vera e proprio major release che oltre a portare 5.000 nuove API e tanti utili accorgimenti, sfoggia un’interfaccia grafica completamente ridisegnata. La nuova UI è sempre più in stile “flat” e utilizza principalmente i colori predominanti di Google: blu, giallo, verde e rosso oltre al classico bianco di sfondo. Cambiano anche le notifiche, ora a forma di schede e presenti nella schermata di blocco, e il multitasking, più semplice e simile a una pila di fogli con i titoli.

La runtime cambia e su Android L vede ART come unico protagonista. Il nuovo compilatore  prenderà il posto di Dalvik e renderà l’interfaccia e il lancio generale di applicazioni più immediato. Grosse novità anche dal punto di vista dell’autonomia, nasce infatti Battery Saver, una funzione di risparmio energetico che sarà integrata direttamente su Android e aiuterà a gestire meglio i dispendiosi processi in background.

La preview di Android L è disponibile già da oggi per tutti gli sviluppatori, mentre, la versione consumer arriverà in autunno, probabilmente con il nuovo Nexus 6.

Android Wear

Android Wear è la piattaforma software dedicata ai dispositivi indossabili. Ufficializzata indirettamente diversi mesi fa, oggi è stata annunciata da Google nel corso del Keynote.

L’intero sistema operativo è pensato per girare su schermi piccoli: niente funzioni complicate o trovate poco intuitive, il funzionamento è basato su schede e swipe in stile Google Now. inoltre, i comandi vocali, saranno al centro dell’esperienza d’uso e serviranno per avviare le varie funzioni che saranno svolte in sincronia con il nostro smartphone.

In occasione del lancio di Android Wear, Google, ufficializza anche l’inizio dei preordini nella giornata di domani degli smartwatch di LG e Samsung: il G Watch e il Gear Live. Il Moto 360, probabilmente l’orologio intelligente più atteso, sarà disponibile in estate. Confermiamo che l’Italia è uno dei mercati selezionati per la commercializzazione dell’LG G Watch che avverrà a 199 euro.

Android TV

Google svela anche Android TV, la prima piattaforma ufficiale che vedrà luce nel corso del 2015 e porterà il robottino verde nei salotti di tutte le nostre case.

Interfaccia a caselle simile ad Xbox e tanti accordi con le maggiori case di streaming video garantiranno serie tv e programmi
accessibili in qualsiasi momento tramite il Wi-Fi. I partner annunciati per la costruzione dell’hardware sono molti: si va da Sony a Sharp passando per Samsung ma, oltre all’integrazione vera e propria all’interno dei TV, dovrebbe arrivare in un futuro anche un Set Box da agganciare a qualsiasi televisore.

Android Auto

Google vuole arrivare ovunque. Che il mercato delle auto sia in fermento dopo l’annuncio di iOS in Car era cosa assodata ma Big G non ha voluto perdere tempo e mira ad espandere il suo sistema operativo anche nelle automobili. Sono circa 40 i produttori di auto che nel corso dei prossimi mesi/anni avvieranno la produzione dello loro automobili inserendo un display di bordo che sarà in grado di portare Android e tutti i suoi servizi in auto. Il sistema di bordo, oltre a funzionare in modo autonomo, interagirà con il nostro stesso telefono avviandone contenuti e permettendoci di leggere e rispondere alle nostre notifiche tramite i comandi vocali.

Chromecast

La chiavetta magica di Google amplia le sue funzionalità. Da oggi, infatti, sarà possibile il tanto atteso mirroring del proprio dispositivo Android direttamente su tv. Niente più limitazioni alla sola app di YouTube o simili: tutto quello che vedremo sul nostro smartphone comparirà sul display del nostro televisore.

Google Fit

Arriva anche l’annuncio di Google Fit, la risposta di Android alla volontà degli utenti di controllare la propria salute e allenare la propria forma fisica. Il developer Kit sarà composto da un unico set di API per tutti i prodotti. Big G ha già stretto diverse collaborazione con Adidas, Nike, Intel…insomma, se qualcuno aveva ancora dubbi che questo non fosse l’anno giusto per gli smartwatch e i braccialetti indossabili, ora si dovrà ricredere, Google è entrata anche in questo mercato.