google pixel
[easy-social-share buttons="facebook,whatsapp,twitter,mail,telegram" counters=0 style="icon" bottombar="yes" only_mobile="yes" fullwidth="yes" column="yes" columns="5" template="metro-retina"]

Google Pixel e Pixel XL, informazioni (quasi) definitive sui nuovi smartphone firmati Google

Hanno un volto, anche se non definitivo, gli smartphone Google Pixel (in alto a sinistra) e Google Pixel XL (in alto a destra) di cui fino a oggi sono circolate in rete soltanto notizie più o meno attendibili e immagini di prototipo.
Diversi solo per diagonale del display – 5 pollici per il Pixel, 5,5 pollici per il Pixel XL – i due nuovi smartphone targati Google saranno presentati ufficialmente alla stampa il prossimo 4 ottobre 2016.
Le curiosità del pubblico si concentrano sull’aspetto software e sull’interfaccia grafica che il colosso di Mountain View integrerà al loro interno e nel sistema operativo Android Nougat. Il tasto Google dedicato alla navigation bar dovrebbe confermare quanto annunciato dai rumors.
Per quanto riguarda invece la parte hardware, i due nuovi smartphone by Google dovrebbero basarsi su:
• un processore Snapdragon quad-core da 2 GHz
4 GB di memoria Ram
32 GB di Rom
• display da 5 e 5,5 pollici, Full HD (1.920×1.080 pixel) nel primo, Quad HD (2.560×1.440 pixel) nel secondo
• batteria da 2.770 mAh (3.450 mAh per il Pixel XL)
• doppia fotocamera (da 12 Megapixel la posteriore, da 8 Megapixel l’anteriore)
• lettore di impronte digitali
• mini-jack da 3,5 mm
• connettore dati e di ricarica Usb Type-C.
Il prezzo di lancio, per la versione da 5 pollici, potrebbe essere di 649 $.

Postato in Android NewsTaggato [easy-social-share buttons="facebook,twitter,google,pinterest,linkedin" counters=0 style="button" hide_mobile="yes"]

Dino del Vescovo

Laureato in Geologia, scrive su riviste di tecnologia e fotografia dal 2003. Giornalista professionista dal 2005, è oggi impegnato su tutte le pubblicazioni di Top Press di cui coordina il mensile Foto News. Si occupa inoltre di turismo dell'area balcanica (Belgrado è la sua seconda casa). Dorme poco e pensa molto.