Il Cybercrime dilaga senza pietà

Il rapporto Clusit 2014 sulla sicurezza informatica traccia uno scenario abbastanza inquietante per quanto riguarda la diffusione del cybercrimine che quest’anno rappresenta il 60% degli attacchi Web (la percentuale era del 36% tre anni fa). I bersagli preferiti sono il settore governativo, i servizi cloud (com’è emerso in modo fragoroso con la violazione degli account delle celebrità e la pubblicazione delle loro immagini hot) e i social network.
##BANNER_QUI##
Nel corso dell’anno è anche emerso un nuovo fenomeno, per il quale è stata coniata una definizione ad hoc: hacktivism. Il termine identifica quei gruppi di varia natura che realizzano attività di disturbo su Internet e che sempre più spesso hanno origine nei Paesi mediorientali. Il Rapporto 2014 offre dunque una panoramica degli eventi di cyber-crime e incidenti informatici più significativi degli ultimi dodici mesi. Si tratta di un quadro estremamente aggiornato ed esaustivo della situazione globale, con particolare attenzione alla situazione italiana.

Se siete interessanti al mondo della telefonia raggiungeteci sui nostri canal social per rimanere sempre aggiornati Facebook | Twitter