Samsung Incendio

Scoppia incendio nella fabbrica di batterie Samsung SDI di Tianjin, in Cina

Il fenomeno naturale contro cui Samsung da tempo si scontra è senza dubbio il fuoco. È di oggi la notizia secondo cui a Tianjin, metropoli del nord della Cina, l’unità produttiva di Samsung SDI è stata danneggiata da un incendio.
La fabbrica è nota per aver prodotto le batterie del famigerato Galaxy Note 7, causa delle sue esplosioni e oggi in via di smaltimento (qui le spiegazioni ufficiali del produttore coreano). E nella stessa si stanno producendo gli accumulatori al litio che alimenteranno il nuovo top di gamma, il Galaxy S8, la cui presentazione ufficiale è prevista per marzo.
Quanto si sa basta per alimentare i primi sospetti. Se da un lato giungono conferme su danni alle cose e non alle persone, dall’altro c’è chi prova a localizzare l’accaduto.

Incendio Samsung
Foto scattata a Tianjin durante l’incendio scoppiato nella fabbrica di Samsung SDI.

Samsung assicura che la parte dell’edificio interessato dalle fiamme è quello destinato allo smaltimento delle batterie del Note 7, notoriamente pericolose. Altri giurano che l’incendio si è invece innescato nell’ala produttiva, quella in cui si stanno fabbricando le batterie per il nuovo top di gamma.
Le rassicurazioni di Samsung secondo alcune fonti sono state confermate dai Vigili del Fuoco, secondo altre sarebbero state dagli stessi smentite. Di certo, al momento, c’è solo l’entità dell’accaduto: l’incendio ha assunto dimensioni tali da richiedere l’intervento di 19 mezzi e 110 vigili del fuoco.

Dino del Vescovo

Laureato in Geologia, scrive su riviste di tecnologia e fotografia dal 2003. Giornalista professionista dal 2005, è oggi impegnato su tutte le pubblicazioni di Top Press di cui coordina il mensile Foto News. Si occupa inoltre di turismo dell'area balcanica (Belgrado è la sua seconda casa). Dorme poco e pensa molto.