Insonnia: non è colpa degli smartphone

Smentito uno dei più classici luoghi comuni: smartphone, tablet e Pc usati a letto non sono responsabili dell’insonnia di chi li utilizza.
##BANNER_QUI##
A riverarlo è uno studio pubblicato sul Journal of Sleep Research che scagiona di fatto la tecnologia da ogni colpa e per addossarla invece agli stessi tecno-fan, che già in partenza soffrirebbero di insonnia. L’indagine si è svolta su oltre 900 studenti, appassionati di tecnologia e soliti passare ore e ore a letto tra smartphone, computer, chat e social network.

Derk-Jan Dijk, editore della testata, spiega:Numerosi studi hanno individuato il collegamento tra insonnia e uso dei tablet a letto sia per adolescenti sia per gli adulti. Ma cosa viene prima? L’uso dei media o l’insonnia? Per la prima volta gli psicologi della Brock University hanno assolto la tecnologia, perché i problemi di insonnia precedono l’uso esagerato dei dispositivi. In futuro ci aspettiamo ricerche più precise e che includano anche gli effetti della luce emessa da tablet e smartphone sul meccanismo della veglia“.

Se siete interessanti al mondo della telefonia raggiungeteci sui nostri canal social per rimanere sempre aggiornati Facebook | Twitter