Jeep Compass

Lenovo porta la realtà aumentata su Jeep Compass

Il marchio Jeep lancia un’innovativa customer experience presso i propri concessionari: grazie a un’esperienza tecnologica di ”realtà aumentata”, infatti, i clienti potranno interagire con la nuova Compass – girare intorno alla vettura e guardare al suo interno – anche se non fisicamente esposta negli show room.

Jeep Compass Visualizer

Jeep Compass Visualiser è una innovativa applicazione, di facile utilizzo, in grado di ricreare un esemplare virtuale della Jeep Compass davanti agli occhi dei clienti, in scala 1:1, consentendo loro di scoprire questo nuovo modello e di interagire con esso prima del suo debutto fisico in concessionaria. L’applicazione, sviluppata in collaborazione con Accenture Interactive, la digital agency parte di Accenture Digital, si basa su Tango, la tecnologia per la realtà aumentata con smartphone di Google che consente ai dispositivi mobili di ‘navigare’ nel mondo reale interagendo con la realtà virtuale, ed è stata ottimizzata per lo smartphone Lenovo Phab 2 Pro, il primo dispositivo compatibile con Tango.  Il Jeep Compass Visualiser è già disponibile nei concessionari Jeep di alcuni mercati europei (oltre all’Italia, Austria, Belgio, Francia, Germania, Olanda, Spagna e Svizzera) e verrà introdotto in tutta Europa entro la fine dell’estate.

Come funziona?

Il Jeep Compass Visualiser consente a coloro che sono interessati all’acquisto di un’automobile di visualizzare, configurare, girare attorno e guardare all’interno di un’esemplare virtuale della vettura riprodotto in dimensioni reali attraverso un dispositivo compatibile con Tango. Gli utenti, ad esempio, possono scegliere e cambiare il colore della carrozzeria e la configurazione dei cerchi. Le porte possono essere aperte per scoprire l’abitacolo, che rivela interni aderenti alla realtà e dettagliati. Con un semplice tocco sullo schermo del dispositivo si possono cambiare i colori dei rivestimenti interni. Mentre la vettura è visualizzata sullo schermo del dispositivo, l’esemplare virtuale si sposta in relazione ai movimenti dell’osservatore. I clienti che visiteranno i concessionari Jeep saranno in grado di configurare a proprio piacimento la Jeep Compass, scegliendo tra due diversi allestimenti degli interni e due tipologie di materiali. Grazie alla realtà aumentata, la configurazione selezionata apparirà davanti ai loro occhi in formato 3D.

 I partner: Google, Accenture e Lenovo

Per sviluppare questa innovativa applicazione, il marchio Jeep ha collaborato con Google, Accenture e Lenovo: ciascuna di queste aziende ha fornito il proprio fondamentale contributo alla creazione di uno strumento unico. Alla base della collaborazione l’importanza di mettere il cliente al centro. Tango utilizza la visione computerizzata per consentire al dispositivo mobile di rilevare la propria posizione nel mondo reale, riducendo così la distanza tra il mondo digitale in 2D e il mondo fisico in 3D. In questo modo, il dispositivo mobile è in grado di mappare l’ambiente che lo circonda a 360° e di navigare nel mondo reale proprio come fanno gli esseri umani. Accenture,  ha progettato questa soluzione innovativa che trasforma la customer experience. La App relativa alla tecnologia Tango si basa su sensori integrati, rilevamento del movimento, apprendimento di area e percezione della profondità per generare le interazioni. 

 Lenovo

Lenovo ha sviluppato il Phab 2 Pro, il primo smartphone al mondo compatibile con Tango, proprio per ospitare tale tecnologia su un dispositivo destinato al pubblico, e rendere così la realtà aumentata accessibile al maggior numero di persone. Lo schermo da oltre 6 pollici del Phab 2 Pro è dotato di risoluzione QHD ad elevata nitidezza ed offre ai clienti la possibilità di vivere un’esperienza della nuova automobile in versione virtuale, ma a grandezza naturale.

 

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" lavora come giornalista da quasi 20 anni. È stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia nel 2005. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar