L’iWatch di Apple si chiama iTime

È fra i gadget più attesi. Ora che tutti i big della tecnologia in mobilità hanno presentato i propri smartwatch (e i sistemi operativi loro dedicati), manca solo Apple con il suo iWatch. Pardon, iTime. Già, perché stando al brevetto depositato dall’azienda di Cupertino nel 2011 sarebbe questo il nome dell’orologio tecnologico con il logo della Mela morsicata.

Secondo quanto emerge dal brevetto (ammesso che le informazioni siano ancora valide dopo un così ampio lasso di tempo) l’iTime si declinerebbe in due versioni una del tipo cinturino + un dispositivo in stile iPod Nano e una seconda nel solco, invece, degli attuali smartwatch.
##BANNER_QUI##
Insomma, di certo non c’è nulla. Indiscrezioni – si è detto di tutto e di più in questi mesi – vogliono che l’orologio di Apple sia dotato di numerosi sensori biometrici e che possa arrivare entro fine anno con display da 1,6 e 1,8 pollici. Staremo a vedere quanto c’è di vero in tutto questo. Una cosa è certa: Apple non può esimersi dal presentare a breve il suo orologio dei sogni.