MyKronoz ZeTime

MyKronoz presenta ZeTime, il primo smartwatch ibrido

MyKronoz ZeTime è il primo smartwatch ibrido al mondo. Combina movimento meccanico e un quadrante rotondo touchscreen a colori. Grazie all’utilizzo di un’innovativa tecnologia che ha permesso di realizzare un foro al centro del display TFT e di inserire le parti meccaniche al suo interno. Il dispositivo si caratterizza per le forme classiche di un orologio da polso con le più avanzate caratteristiche di uno smartwatch. Progettato per essere indossato ogni giorno, MyKronoz ZeTime consente di vedere l’ora anche quando lo schermo dello smartwatch è spento grazie alla tecnologia “smart movement”, che mantiene in vita la parte meccanica fino a 30 giorni con una sola ricarica.

“La mia idea è stata di combinare il meglio della tradizione orologiera svizzera con le principali caratteristiche di uno smartwatch, per favorire l’adozione tra i consumatori della nostra tecnologia wearable. My Kronoz ZeTime incarna appieno questa idea combinando il meglio dei due mondi. Un elegante orologio tradizionale con un touchscreen a colori che mostra in tempo reale le chiamate in arrivo, le notifiche dello smartphone, le indicazioni fitness in tempo reale, gli eventi del calendario, qualsiasi tipo di reminder e molto altro direttamente dal proprio polso.” – afferma Boris Brault, CEO e founder di MyKronoz.

MyKronoz ZeTime: il prezzo

In linea con l’idea di combinare un grande classico con la tecnologia indossabile, My Kronoz ZeTime presenta un’elegante cassa in acciaio. Dispone di un’ampia gamma di quadranti digitali intercambiabili. E cinturini creati per soddisfare qualsiasi stile. Vanta un accelerometro a 3-assi e un sensore ottico del battito cardiaco per la rilevazione dell’attività fisica e del sonno. Infine è resistente all’acqua fino a 30 m di profondità. Il dispositivo garantisce la qualità e la versatilità di un orologio di fascia alta. Ma a un prezzo  inferiore: sarà disponibile da settembre a partire da 199,90 euro.

Lucio Prosperi

Giornalista e scrittore, si occupa di tecnologia dal 1998, anno in cui ha cominciato a lavorare per alcune riviste di videogiochi per poi approdare, nel 2005, in Toppress e specializzarsi nell'hi-tech mobile. Grande appassionato di calcio e cinema, nel 2009 ha pubblicato il suo primo romanzo: Cintura Nera di Preliminari.