[easy-social-share buttons="facebook,whatsapp,twitter,mail,telegram" counters=0 style="icon" bottombar="yes" only_mobile="yes" fullwidth="yes" column="yes" columns="5" template="metro-retina"]

Ford Fiesta: per i 40 anni si regala Sync 3, sicurezza e B&O Play

Colonia (Germania) – La Ford Fiesta compie 40 anni e si rinnova: più sicura, più connessa, più bella. Ford propone la settima generazione dell’auto in quattro declinazioni, ossia Vignale, ST Line, Titanium e Active, la crossover che estende il raggio d’azione della famiglia. La nuova generazione di Fiesta poterà in dote anche una serie di innovazioni. Tra cui una versione avanzata dei sistemi di riconoscimento dei pedoni (che opera anche di notte) e di parcheggio semiautomatico Active Park Assist, con sistema di frenata automatica durante le manovre. Non solo. Spazio all’intrattenimento, dato che con la nuova Fiesta debutta l’accordo con B&O Play in virtù dell’impianto audio premium. A questo si aggiunge la piattaforma Sync 3 con touchscreen da 4,2, 6,5 e 8 pollici.

Motori potenti

Procediamo con ordine. Ford ha svelato la nuova Fiesta all’evento Go Further. All’interno dell’impianto di produzione a Colonia (Germania), una vera e propria “città”, l’Ovale Blu ha messo in rassegna le sue auto di punta nel 2016. E ha messo l’accento sull’ingresso deciso nella fascia medio/alta del mercato con la gamma Vignale, ha mostrato le nuove Mustang Special Edition ma, soprattutto, ha svelato la nuova Ford Fiesta che arriverà in Italia non prima della prossima estate. Con questa generazione, si alza l’asticella in termini di qualità, tecnologia e motorizzazione. La Fiesta si propone di essere la “compatta tecnologicamente più avanzata al mondo“. Sarà disponibile nelle versioni a 3 e 5 porte e con motorizzazioni “intelligenti”. L’offerta è stata semplificata. Si inizia con gli Ecoboost 1.0 3 cilindri a benzina con potenza da 100 (proposto anche con cambio automatico a 6 marce e paddle al volante), 125 e 140 cavalli. Poi ci sono gli Ecoboost 1.1 3 cilindri (in sostituzione dell’attuale 1.2 82 cavalli) con step da 70 e 85 cavalli. E infine Tdci 1.4 da 85 e 120 cavalli. Inoltre, sarà presente un nuovo pulsante Eco per regolare la resa del motore e gestire i consumi.

Tecnologie in movimento

La nuova Fiesta è un vero e proprio concentrato di tecnologie. A iniziare da una ricca gamma di funzioni dedicate alla sicurezza. Nel dettaglio, la strumentazione di base opera in sinergia con due telecamere, tre radar e dodici sensori a ultrasuoni e può monitorare a 360 gradi l’area intorno all’auto e fino a 130 metri nella parte anteriore. Queste soluzioni sono al servizio, per esempio, del sistema di frenata automatica d’emergenza con assistenza pre-collisione e riconoscimento dei pedoni (Pre-Collision Assist e Pedestrian Detection) per ridurre ed evitare le collisioni grazie ad una telecamera grandangolare che riconosce oggetti e persone e ne traccia i movimenti. Per la prima volta sarà anche disponibile l’Active Park Assist con manovre in parallelo e in perpendicolare. All’appello ci sono poi il sistema di riconoscimento dei segnali stradali, gli abbaglianti automatici, il Cross Traffic Alert per rendere più sicura la retromarcia, il controllo adattivo della velocità di crociera, il Drive Alert (verifica dell’attenzione del guidatore) e il mantenimento della corsia di marcia.

Audio di qualità

La parte di infotainment in mobilità è firmata nientemeno che B&O Play a cui si affida il Sync 3. Oltre ai comandi vocali, la piattaforma dispone di AppLink per utilizzare sul display con diagonale fino a 8″ le app per smartphone. Sono supportate 14 applicazioni, tra cui Spotify, Glympse, Aupeo, MyBoxMan, HearMeOut e AccuWeather. Sync 3 opera anche con Siri, in abbinamento con gli iPhone, e dispone della funzione Emergency Assistance, che compone in automatico il numero di emergenza europeo 112 in caso di incidente, avvisando gli operatori d’emergenza nella lingua locale. È gratuito e l’unico requisito richiesto perché funzioni è abbinare lo smartphone al Sync 3 via Bluetooth. Sync 3 funziona ora, oltre che con quello da 8″, anche con display da 6,5″ e 4,2″, dimensione che lascia spzio alla docking station

dove alloggiare e mantenere alimentato il telefonino. A proposito di connettività, si segnala la presenza di due porte Usb, radio Dab e, a richiesta, il lettore CD. Quest’ultima scelta è frutto delle diverse abitudini di fruizione della musica in condizioni di mobilità ma sulla qualità audio Ford non scende a patti. B&O Play si avvale di dieci diffusori, tra cui un subwoofer installato nel bagagliaio e un diffusore per medie frequenze posizionato sul pannello strumenti. La potenza totale del sistema, controllato da un amplificatore DSP che controlla equalizzazione e mixing, è pari a 675 watt dichiarati.

Ecco le immagini della Ford Fiesta di settima generazione