Offese sui social: attenzione a quello che dite

Apostrofare qualcuno su Facebook, anche con parole apparentemente non volgari ma offensive come cialtrone, mercenario e parassita, integra il reato di diffamazione. A ricordarlo è la cassazione, organo al vertice del potere giudiziario nell’ordinamento giuridico italiano, che sottolinea  come la diffusione sui social network sia oltretutto un’aggravante, perché moltiplica il pubblico in ascolto.

La suprema corte ha per questo confermato la condanna al pagamento di una multa da 1.500 euro, emessa con rito abbreviato, di un componente in congedo del corpo militare della Croce Rossa Italiana, reo di aver apostrofato con parole come “verme” e “parassita” Francesco Rocca, all’epoca commissario straordinario della Cri.

Postato in Senza categoria

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" lavora come giornalista da quasi 20 anni. È stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia nel 2005. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar