Picwant: diventa uno storyteller con lo smartphone

Picwant presenta la nuova iniziativa “You in the news” che permette a tutti gli appassionati di fotografia via smartphone, di acquisire visibilità mediatica fotografando eventi come manifestazioni, sagre, festività e aspetti culturali territoriali.

Picwant vende i propri contenuti a clienti editoriali e media, sempre alla ricerca di nuove storie da raccontare; oggi, grazie a questa iniziativa, è possibile diventare protagonisti e vedere le proprie fotografie pubblicate su siti web o blog nazionali. Con “You in the news” – che prende avvio ufficialmente il 12 febbraio – Picwant invita tutti gli appassionati a fotografare eventi di interesse pubblico o raccontare una storia locale e di costume, realizzando un servizio interessante e appassionante. I contenuti andranno inviati a Picwant che ne valuterà la pubblicazione sul sito picwant.com e la pertinenza con l’iniziativa promossa: la rapidità è fondamentale, soprattutto se si tocca l’attualità nel caso di manifestazioni specifiche, affinché non venga compromessa la vendibilità dell’evento e della storia ripresi.

Non appena il servizio viene inviato, è necessario scrivere una mail agli editor di Picwant all’indirizzo editors@picwant.com specificando nell’oggetto “NEWS LOCALI” oppure “STORIE DI COSTUME + IL TITOLO DELLA FEATURE + UNA DESCRIZIONE” affinché il contenuto venga immediatamente revisionato.  
##BANNER_QUI##
I lavori selezionati dagli editor e ritenuti di maggiore interesse godranno inoltre di una visibilità superiore grazie ad un’intervista da diffondere sui media di settore in cui raccontare e spiegare il proprio progetto.  L’iniziativa vuole promuovere i lavori di fotografi amatoriali e professionisti che, con lo smartphone sempre a portata di mano, possono creare in qualsiasi momento storie di grande interesse.

Postato in Senza categoria

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" lavora come giornalista da quasi 20 anni. È stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia nel 2005. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar