Sepios: il drone subacqueo che scruta i fondali

Si chiama Sepios (seppia) ed è il primo drone subacqueo. È piuttosto goffo, poco aerodinamico e, a dirla tuta, assomiglia, poco a un pesce se non per le finte pinne in movimento. Ma ha il pregio di essere silenzioso e in grado di spostarsi su quattro assi senza alcun problema. L’hanno progettato gli studenti del Politecnico Federale di Zurigo (Svizzera) che lo stanno testando prima della definitiva messa in acqua.

degli studenti del Politecnico Federale di Zurigo (Svizzera) – See more at: http://www.diregiovani.it/rubriche/scientificamente/37031-sepios-drone-sottomarino-nuota-come-seppia.dg#sthash.iBqLXOwI.dpuf
degli studenti del Politecnico Federale di Zurigo (Svizzera) – See more at: http://www.diregiovani.it/rubriche/scientificamente/37031-sepios-drone-sottomarino-nuota-come-seppia.dg#sthash.iBqLXOwI.dpuf

Il nostro robot è completamente assemblato e quasi operativo. Rimane l’implementazione del software. Sepios ha molti sensori che devono essere coordinati, tra una pressione e un sensore di umidità. Ci sarà anche una macchina fotografica e laser per il rilevamento di collisione e un’unità di misura inerziale (IMU) per misurare accelerazioni e velocità angolari

Insomma, il più è fatto e il dreno è già perfettamente funzionante come dimostra il video che trovate qui in basso. Una volta che il software verrà ultimato e i vari sensori saranno operativi, aiuterà i biologi a studiare meglio la fauna acquatica.

Postato in Senza categoria

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" lavora come giornalista da quasi 20 anni. È stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia nel 2005. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar