Sfida accettata

“Sfida accettata!”. È questo il messaggio che accompagna le foto di quando eravamo bambini su Facebook

Tutto ha avuto inizio lo scorso agosto in India, poi l’idea si è propagata al Regno Unito. Dopo, ha raggiunto altri Paesi fino a farsi spazio anche nel nostro. Caricare e usare come immagine del proprio profilo Facebook una foto di dieci, vent’anni fa, è la moda del momento.
Anzi, da un paio di giorni è un vero e proprio tormentone. Così, le bacheche di parenti e amici riportano immagini vintage, in bianco e nero o a colori, accompagnate dal breve messaggio in bacheca “Sfida accettata” (in inglese: “Challenge Accepted“). Sì, perché la regola del gioco vuole che chiunque conceda un “Mi piace” a una di queste foto, debba poi proseguire la catena pubblicando la propria.
Ma cosa c’è dietro questa mania? Perché nasce questa tendenza? La risposta è che il movente non è ancora del tutto chiaro. C’è chi la considera una mera “operazione nostalgia”, chi invece le attribuisce una causa più nobile. Come quella che punta a sensibilizzare l’intera comunità di Facebook – e parliamo di miliardi di persone – alla battaglia contro il cancro. Che sia l’una o l’altra motivazione a muovere il tutto, di certo al momento c’è che la singolare catena sta funzionando.

Dino del Vescovo

Laureato in Geologia, scrive su riviste di tecnologia e fotografia dal 2003. Giornalista professionista dal 2005, è oggi impegnato su tutte le pubblicazioni di Top Press di cui coordina il mensile Foto News. Si occupa inoltre di turismo dell'area balcanica (Belgrado è la sua seconda casa). Dorme poco e pensa molto.