Telefonare con Google, ora si può

Google prosegue nella sua opera di diversificazione del suo business e lancia Progetto FI, ovvero un servizio di telefonia mobile low cost che permette (al momento solo negli Stati Uniti) di telefonare e pagare a consumo, ovvero per l’uso effettivo dei dati impiegati nelle conversazioni e nella navigazione Web.
Il sistema ruota attorno alla possibilità di passare velocemente dalla rete Gsm a quella Wi-Fi così da assicurare costante copertura di segnale e fa affidamento sulle reti di gestori come Sprint e T-Mobile. Allo stato attuale il servizio è disponibile solo per il Motorola Nexus 6, unico smartphone che dispone della tecnologia necessaria a effettuare lo switch tra le reti dei due operatori e il Wi-Fi.

##BANNER_QUI##

Il costo fisso applicato da Google è di 20 dollari al mese per la telefonia cui si aggiungono 10 dollari per ciascun GB di dati, con la possibilità però di ricevere rimborsi se si consuma un quantitativo minore di dati. Inoltre il servizio copre anche il roaming all’estero in 120 Paesi, tra cui l’Italia.

L’altra grande novità è rappresentata dalla virtualizzazione della Sim, in modo che sarà possibile accedere al proprio numero via Hangout, indipendentemente dal dispositivo utilizzato (questo naturalmente quando saranno disponibili altri smartphone in grado di supportare Progetto FI).