Twitter lancia la sfida al governo Usa

Twitter fa causa al governo federale americano. L’amministrazione di Obama è stata infatti accusata dal social dell’uccellino azzurro di violare il primo emendamento della Costituzione americana, o meglio, quello che tutela la libertà di parola ed espressione.

L’idea di Twitter è quella di salvaguardare la sicurezza dei propri utenti dopo il celebre caso Nsa. Il microblogging è infatti stato costretto a tenere la bocca cucita sulle richieste di informazioni provenienti dai programmi di sicurezza nazionale. ll vicepresidente Ben Lee afferma “di avere il diritto in base al primo emendamento di rispondere pienamente alle preoccupazioni dei nostri utenti, informandoli anche sullo scopo dei programmi di sorveglianza del governo”, “Dovremmo essere liberi di farlo in maniera piena invece che in maniera incompleta e inesatta”.
##BANNER_QUI##
Oltre a Twitter, anche altri colossi dell’hi-tech si stanno muovendo. Apple ha inserito nel suo nuovo sistema operativo iOS 8 un sistema di sicurezza inviolabile anche dalla stessa azienda (LINK) e presto anche Google lo inserirà a bordo della prossima versione di Android L.