Ufficiale: Netflix in Italia ad ottobre

Finalmente ci siamo. Netflix, la piattaforma di streaming che ha rivoluzionato il settore TV negli USA, arriverà in Italia ad ottobre. A confermarlo è lo stesso Reed Hastings, CEO dell’azienda che ha aggiunto di non aver fissato ancora una data ben precisa. Stando a Wired, i prezzi saranno in linea con quelli degli altri paesi europei che hanno beneficiato della disponibilità prima di noi: si parte da 7,99 euro al mese.

Che cos’è Netflix?

Netflix è una piattaforma di streaming online: a fronte di un abbonamento mensile permette la visione di migliaia di serie TV, film e documentari. Niente cavi, satelliti o, ancora peggio, digitali terrestri. Il servizio è completamente basato sulla connessione internet e i contenuti possono essere visualizzati su tutti i dispositivi come Smart TV, smartphone, tablet e computer sfruttando un solo abbonamento. Per quel che riguarda l’alta definizione, oltre all’HD e al Full-HD, la società californiana mette a disposizione anche un ventaglio di offerte in 4K. Il funzionamento è molto simile a Sky On Demand, si potranno salvare le trasmissioni, stopparle e portarle avanti poiché tutta la libreria è sempre disponibile. Altra nota da non sottovalutare è l’assenza della pubblicità.

##BANNER_QUI##
Netlifx ha bisogno di una connessione internet veloce?

La risposta è ni. Per poter visualizzare contenuti in HD è consigliata una connessione a 7 Mbps mentre sarà necessaria una connessione a 10/20 Mbps per godere dei contenuti in Full HD in totale tranquillità. Nessun problema con il 4G, paragonabile all’attuale fibra ottica con picchi di download che nelle principali città italiane toccano i 40/50 Mbps.

Netflix ha bisogno di una Smart TV?

A meno che non sfruttiate console da gioco e il collegamento HDMI dal computer, la risposta è si. Con l’acquisto di un set to-box basato su Android (versione smartphone), Android TV o Apple TV da agganciare al televisore e possibile utilizzare l’app di Netflix oltre che tanti contenuti già disponibili per i nostri amati telefonini.

Nonostante l’attuale caos di piattaforme, l’idea delle major dell’elettronica di consumo è quella di proporre poche ma funzionali piattaforme per l’intrattenimento domestico già preinstallate sui televisori del futuro. Sony, Panasonic e altri produttori si sono già affidati ad Android TV di Google per il modelli in uscita nel 2015 mentre LG, Samsung e poche altre puntano ancora a diffondere i propri ecosistemi che, con molta probabilità, lasceranno il passo allo standard di Google per ovvi motivi di quantità di contenuti all’interno. Una storia molto simile a quanto già avvenuto nel biennio 2007-2008 con l’arrivo di Android. Per farvi un’idea, recatevi sul Play Store e andate a sbirciare Google Chromecast e il Nexus Player a questo indirizzo.

Il sito internet di Netflix è invece raggiungibile a questo indirizzo.