Apex Legends

Apex Legends, c’è un nuovo Battle Royal in città

Il successo economico di Fortnite, probabilmente uno dei videogiochi più famosi e remunerativi del momento, ha destato grande interesse tra i publisher, anche tra i più famosi e potenti come EA. Ed ecco arrivare, quasi in sordina, Apex Legends, il nuovo videogioco “Battle Royal” capace di conquiastare 25 milioni di iscrizioni in una settimana.

Campioni d’incassi

Del resto, come dimostra il report the App Annie sul mobile gaming nel 2018, i giochi di maggiore successo nel mondo sono stati proprio i Battle Royal come PUGB, Fortnite, Rules of Survival e Free Fire.

Apex Legends, come funziona

Senza andare troppo nei dettagli, Apex Legends ha una meccanica simile ai giochi del momento: c’è la classica isola dove scontrarsi, ci sono le varie armi da trovare e assemblare, c’è un campo di battaglia che diventa sempre più limitato con il trascorrere del tempo. E allora qual è la novità direte voi? In realtà le novità sono più o meno tre. La prima è che si combatte in squadre da tre (per un totale di 60 utenti), la seconda sono le abilità (ci sono 8 leggende con poteri peculiari tra cui scegliere) e la terza sono i Respawn, una sorta di seconda vita. Insomma, tre micro ingredienti per migliorare ma non stravolgere, una meccanica consolidata.

Apex Legend: dove giocare

Non senza una certa dose di malizia, aggiungerei che la quarta novità è il modello di business. Apex Legend è sì gratuito come lo è Fortnite, ma è quasi una novità assoluta per EA, un publisher spesso accusato in passato di aver esagerato con le micro transazioni. Per ora il gioco è disponibile su Ps4, Xbox e Pc, ma è lecito attendersi quanto prima una versione mobile. Difficilmente però lo vedremo sugli store ufficiali di Google e Apple che, con le loro commissioni monster, sono ormai diventati uno spauracchio per i publisher.

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" è stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar