Puma Hitler

Arrivano le Storm Adrenaline ma i social network le chiamano “Puma Hitler”

Il famoso marchio di abbigliamento sportivo Puma è nell’occhio del ciclone dopo il lancio sul mercato delle “Storm adrenaline”, scarpe accusate di essere un omaggio al leader del partito nazionalsocialista Adolf Hitler. La polemica pare provenire dalla Russia dove alcuni utenti dei social network hanno notato una certa somiglianza tra le scarpe e il viso del dittatore tedesco.

È vero, ci vuole un po’ di immaginazione, ma la somiglianza salta subito agli occhi. La copertura di rinforzo sulla punta (normalmente simmetrica e dal design codificato) qui sembrerebbe ricalcare il classico taglio di capelli ondulato e con la riga del Führer. Per non parlare del particolare “baffetto nero” posizionato sotto le stringhe bianche, che ricorderebbe il famigerato baffo del dittatore nazista.

Uno dei vari tweet postati dagli utenti…

Storm Adrenaline o Sturmabteilung

E come se non bastasse, qualcuno ha notato anche una certa assonanza tra il nome del modello: Storm Adrenaline e le Sturmabteilung, le truppe d’assalto, in pratica il primo gruppo paramilitare del partito nazista. In realtà, in questo caso, l’assonanza appare meno incisiva e molto più forzata, anche se il fondatore di Puma, Rudolf Dassler, era iscritto al Partito e lo sosteneva attivamente a livello locale.

Puma Storm Adrenaline',...
50 Recensioni
Puma Storm Adrenaline',...
  • , Synthtique, Synthtique, Synthtique, caucciu, 178,...

Ridiamoci sopra…

Insomma, tra somiglianze vere o presunte, a rimetterci potrebbe essere proprio il marchio Puma, visto che parecchi utenti ne stanno chiedendo il ritiro. Qualcuno ha invece provato a sdrammatizzare, proponendo altre somiglianze, come ad esempio, Gogol e Edgar Allan Poe.

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in NewsTaggato

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" è stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar