IFA 2015: Samsung Gear S2 l’anteprima video da Berlino

Samsung ha annunciato Gear S2, primo smartwatch del produttore coreano a montare un display circolare con sistema operativo Tizen OS. Due le versioni in arrivo sul mercato italiano: Standard, Classic mentre non arriverà la versione 3G.  Le differenze sono da ricercare nei materiali, il modello Standard offre una cornice grigio scuro/chiaro con cinturino di gomma abbinato mentre la versione Classic ha un quadrate nero seghettato e cinturino in pelle nera.

Svelate anche le caratteristiche tecniche, Gear S2 è resistente all’acqua e alla polvere IP68, ha un display Super Amoled da 1.2 pollici (risoluzione di 360 x 360 pixel), cpu dual-core da 1.2 GHz di clock non specificata, 512 MB di Ram e 4 GB di memoria interna. Presente anche l’NFC per i pagamenti, Wi-Fi, Bluetooth 4.1 e i sensori di luminosità, accelerometro, giroscopio e cardiofrequenzimetro. Contenuta la batteria che sarà da 250 mAh, il produttore dichiara 2-3 giorni di autonomia e ricarica wireless.

Molto interessante la nuova interfaccia utente, caratterizzata da una gestione tramite ghiera e pulsanti laterali oltre che touchscreen: le icone sono disposte in modo circolare e molte delle app installate seguono la stessa filosofia per adattarsi meglio al tipo di display in dotazione. Belle anche le watchface pre-installate, con diverse soluzioni per avere sempre a portata di polso le statistiche sull’attività fisica.

Gear S2 si propone come alternativa ad Android Wear cercando nel software il giusto compromesso tra interfaccia utente, consumi e funzionalità. Da sciogliere il dubbio legato alla disponibilità delle app. La disponibilità sul mercato è stata invece fissata per l’autunno a prezzi ancora non noti.

YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in Senza categoria

Stefano Cavallaro

Giornalista professionista, segue da tempo il settore della consumer electronics con particolare focus su mobile technology e photo imaging. In passato si è occupato di cronaca su radio e giornali locali.