LG G9

LG: i primi rendering del flagship G9 che arriverà a fine febbraio

LG presenterà il suo nuovo smartphone flagship al prossimo Mobile Congress di Barcellona, che si aprirà il 25 febbraio prossimo. Alcune voci, all’inizio dello scorso anno avevano suggerito che LG potesse interrompere la sua famosa serie G, ossia quella che contraddistingue i suoi top di gamma.

Secondo OnLeaks, invece, non sarà così. Il canale Twitter specializzato in anticipazioni ha infatti appena postato una serie di rendering basati su Cad e ralativi al modello LG G9. Lo smartphone sembra abbastanza simile al G8x, anche se integra un numero doppio di fotocamere sulla sua parte posteriore.

Il modello che vedremo nel 2020 dovrebbe infatti avere quattro sensori ottici disposti in orizzontale (un po’ come visto su V50 e G8). Il lettore di impronte digitali sul retro è invece sparito; il nuovo modello dovebbe integrarne uno sotto al display.

Lo schermo è sorprendentemente piatto considerato che la maggior parte delle aziende sta presentando dispositivi con i lati arrotondati. Non si conoscono ancora le dimensioni esatte dello schermo, ma le fonti sostengono che il pannello dovrebbe essere di 6,7​/6,9 pollici con cornici molto ristrette.

La sezione frontale presenta una singola fotocamera selfie ospitata all’interno di una tacca a goccia. LG avrebbe abbandonato la funzione di riconoscimento del palmo e le gesture delle mani che erano a bordo del G8 ma che non hanno trovato grandi sostenitori né fra i consumatori né fra la critica. LG G9 mantiene fortunatamente il jack per cuffie da 3,5 mm, quando molte aziende lo stanno invece sacrificando.

Fra le altre caratteristiche interessanti sui lati ci sono lo slot per schede Sim in alto e quello che sembra essere un pulsante dedicato per l’assistente di Google sulla destra.

L’LG G9 dovrebbe misurare 169,4 x 77,6 x 8,8 mm, 9,4 mm se si calcola la gobba della fotocamera. Il G8 è stato presentato al MWC lo scorso anno, quindi è lecito prevedere di vedere il nuovo modello entro la fine di febbraio.

Fonte