sex toys

Il Ces di Las Vegas sdogana i sex toys dopo averli censurati

Cambiano i tempi e cambiamo anche i prodotti dell’elettronica di consumo. Fra questi, negli ultimi anni, è nata una categoria che ha imbarazzato catene e negozi, ma che sta mettendo in mostra fatturati in crescita con doppia cifra.

Parliamo dei sex toys. Il Ces di Las Vegas, una delle più grandi fiere di elettronica al mondo, ammetterà i sex toys fra i suoi stand a partire dalla prossima edizione di gennaio 2020.

La novità scaturisce da un dibattito nato lo scorso anno: nell’edizione 2018 infatti la Cta aveva assegnato e poi ritirato un premio per l’innovazione a un’azienda produttrice di sex toys. Da qui la discussione e poi l’apertura al nuovo genere di prodotti. Per poter essere ammessi alla sezione “salute e wellness” i dispositivi dovranno essere “innovativi e contenere tecnologie nuove o emergenti – ha affermato Karen Chupka, uno degli organizzatori. Non vogliamo vedere solo file e file di vibratori comuni”.

E se i gadget sessuali super tecnologici potranno tornare in vetrina, è invece previsto un giro di vite sull’abbigliamento delle hostess agli stand. Non dovrà essere troppo sexy. Viene da sorridere ma si tratta con molta probabilità di una precauzione affinché i sex toys non vengano dimostati agli stand in modo troppo esplicito.

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in NewsTaggato

Massimo Morandi

Giornalista, milanese, appassionato di tecnologia, dirige il mensile Cellulare Magazine dal 1998. Ama viaggiare, la buona cucina e il calcio.