Unreal Engine 5

Unreal Engine 5 si mostra in [video] e ne ripercorriamo la storia videoludica

Partiamo dalle basi. Unreal Engine è un motore grafico sviluppato da Epic Games nel 1998 (non a caso prende il nome dall’omonimo videogioco: il mitico sparattuto Unreal) ma nel corso degli anni è stato continuamente aggiornato, tanto che, ad oggi, utilizziamo la sua quarta incarnazione. Ogni versione del motore grafico di Epic ha dato vita a capolavori videoludici assoluti, vediamoli insieme…

Unreal Engine 1

Unreal e Unreal Tournament sono ovviamente i due titoli più conosciuti ad aver utilizzato il motore grafico di Epic, ma vanno ricordati anche altri capolavori come Deus Ex, e Rune. Poi lasciate stare che ci hanno fatto pure il gioco di Harry Potter

Unreal Engine 2

Il debutto della seconda versione avviene con nel 2002 con l’ottimo America’s Army sviluppato dall’esercito americano e che ebbe un discreto successo. Venne utilizzato anche per il secondo capitolo di Deus Ex (Invisible war), per il capolavoro Bioshock (per ben due capitoli, nel 2007 e nel 2010) e per diversi titoli della serie Tom Clancy. Fu utilizzato anche per l’ottimo SWAT 4 (sparatutto tattico che ho adorato) e per le serie successive di Unreal Tournament. Infine, non sarà un titolo che è entrato nella storia, ma vale la pena di citare anche il super “politically scorrect” Postal 2, che era tanto truce quanto spassoso.

Unreal Engine 3

Qui siamo più o meno nel 2007-2008 e tra i primi titoli da menzionare ci sono senza dubbio due capolavori (che daranno vita a una serie di successo) come Gears of War e Mass Effect. Ma i titoli cominciano a diventare tantissimi. Nel 2009 debutta Borderlands, ma c’è anche il discreto Turok, la serie Batman Arkham Asylum e il videgioco per piattaforma mobile Infinity Blade, sviluppato dalla stessa Epic nel 2010. Impossible non citare anche Mortal Kombat, Thief (il reboot, non il classico del 1998) nel 2014 e Xcom 2.

Unreal Engine 4

Con la quarta versione del motore grafico di Epic passiamo dunque dal storia moderna a quella contemporanea del videogioco. Nel 2017 il cerchio si chiude con il debutto di Fortnite, ma quasi tutti i titoli degli ultimi anni hanno attinto all’Unreal Engine. Da Sea of thieves a Minecraft Dungeon, passando per System Shock (ovviamente la riedizione del 2020), ma anche Tekken 7, Stalker 2 e perfino l’ultimo Shenmue III.

Unreal Engine 5

L’ultima versiondell’Unreal Engine e è stata invece presentata ieri con un video che girava su hardware Playstation 5.

YouTube

Caricando il video, l’utente accetta l’informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Si tratta di un motore grafico che, come potete intuire, è stato progettato in gran parte per le console di nuova generazione e porta in dote alcune soluzioni tecniche interessanti come il nuovo sistema di illuminazione in tempo reale che potete apprezzare nelle scene iniziali del video. È un sistema di illuminazione globale, creato collaborando con diversi sviluppatori, che che calcola le rifrazioni luminose sui singoli oggetti ma anche su scenari estremamente più grandi. Migliorati anche i movimenti dei personaggi che si adattano meglio all’ambiente digitale in maniera automatica facilitando il lavoro degli sviluppatori. Aumenta, infine, anche la capacità di gestire i poligoni come si può facilmente notare nelle scene con le statue. Insomma, come avrete capito l’Unreal Engine è una parte importante della storia videoludica, e ogni versione porta in dote una nuova generazione di videogiochi. Mettetevi comodi…

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in NewsTaggato

Christian Boscolo

Christian Boscolo "Barabba" è stato redattore di K PC Games dove ha recensito i migliori giochi per PC per poi approdare alla tecnologia. Tra le sue passioni, oltre ai videogiochi, il calcio e i buoni libri, c'è anche il cinema. Ha scritto perfino un libro fantasy: Il torneo del Mainar