Inserzioni basate sui dati degli acquisti offline

Inserzioni di Google: gli acquisti offline saranno monitorati

Google ha annunciato che presto sarà lanciato uno strumento per gli inserzionisti che utilizzerà i dati delle carte di credito e di debito dai negozi per ottenere informazioni sulle abitudini di acquisto delle persone. Il nuovo strumento è finalizzato a migliorare la targhetizzazione degli annunci online basandosi anche sui dati degli acquisti offline.

Google non ha annunciato esattamente quando gli inserzionisti potranno beneficiare del nuovo strumento ma ha fatto sapere che arriverà ”nei prossimi mesi”. Il nuovo tool accompagnerà un altro strumento che ha debuttato nel 2014 e ha consentito agli inserzionisti di monitorare il traffico dei negozi e di cercare tendenze basate su campagne pubblicitarie.

Le novità di Google potrebbero sollevare alcune polemiche dettate dalla privacy per via dell’insistenza con cui vengano forniti dei dati che nulla hanno a che fare con i servizi online. Il controllo di alcune variabili, come quante visite in un negozio o le quantità di prodotti acquistati sono utili per capire il pubblico e sfruttarlo per le inserzioni mirate. Tuttavia, i dati sono aggregati e semi-anonimi come la maggior parte dei dati raccolti da Google, quindi coloro che non hanno problemi con i metodi attuali probabilmente non ne avranno con quelli futuri.

(Visited 58 times, 1 visits today)