Meizu Band
[easy-social-share buttons="facebook,whatsapp,twitter,mail,telegram" counters=0 style="icon" bottombar="yes" only_mobile="yes" fullwidth="yes" column="yes" columns="5" template="metro-retina"]

Meizu Band ufficiale: la risposta al Mi Band 2 di Xiaomi

Ci sono voluti ben 6 mesi per avere una vera alternativa all’acclamata Mi Band 2 di Xiaomi. L’alternativa si chiama Meizu Band ed è una smartband svelata in occasione del lancio di Meizu M5 Note avvenuto questa mattina.

Nessun rumors ne aveva anticipato l’esistenza e quindi Meizu Band si è rivelata una vera e propria sorpresa per gli addetti al settore e fan del produttore. Con un display Oled dai dettagli azzurri, Meizu ha integrato l’hardware anche nel braccialetto e per tale motivo quest’ultimo non potrà essere cambiato o sostituito. Insomma, dimenticatevi la comoda capsula estraibile del Mi Band.
Meizu Band ha più o meno tutte le funzioni delle altre smartband: mostrerà il tempo, calcolerà i passi e il numero di calorie bruciate. Non manca ovviamente il rilevamento della frequenza cardiaca, l’invio di notifiche per segnalare chiamate ed SMS oltre al monitoraggio del sonno e una sveglia silenziosa.

Meizu Band si collega allo smartphone tramite Bluetooth e l’app proprietaria, è certificata IP67 ed è quindi resistente alle immersioni per un tempo di 30 minuti a 1 metro di profondità. Niente GPS integrato, sfrutterà quello del telefono per calcolare il percorso in base alle mappe di Google.

Interessante poi la ricarica, con cavo magnetico e uscita USB nella confezione di vendita.

Meizu Band

Meizu Band: scheda tecnica completa

  • Display OLED
  • Cardiofrequenzimetro
  • Monitoraggio del sonno
  • Allarme intelligente
  • Cavo di ricarica magnetico
  • Certificazione IP67 (resistenza all’acqua e polvere)
  • App proprietaria
  • Autonomia di 7 giorni

Meizu Band: prezzo e uscita

Non ci sono ancora dettagli su un eventuale arrivo in Italia ma in Cina l’uscita ufficiale è stata fissata per l’8 dicembre. Prezzo al cambio di circa 30 euro.

Da verificare poi la presenza di altre lingue: al momento della presentazione l’app è in cinese con solamente alcune parti tradotte in inglese.

 

 

Postato in Accessori NewsTaggato [easy-social-share buttons="facebook,twitter,google,pinterest,linkedin" counters=0 style="button" hide_mobile="yes"]