TikTok

Il governo USA spinge TikTok nelle mani di Microsoft

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge del senatore Josh Hawley che vieta ai dipendenti di installare l’app di proprietà di ByteDance su dispositivi che appartengono al governo.

La decisione arriva dopo che il presidente degli Stati Uniti ha ripetutamente avvertito che TikTok sarebbe stato bandito nel Paese a causa dei suoi possibili legami con il governo di Pechino. TikTok è di proprietà della ByteDance, con sede in Cina, che sta attualmente discutendo con Microsoft su una potenziale acquisizione.

Microsoft ha annunciato una scadenza del 15 settembre per il completamento dei negoziati e l’acquisizione di TikTok, con il presidente Trump che afferma che se l’accordo non andrà a buon fine, l’app non sarà più consentita nel paese.

Il senatore Josh Hawley afferma che “non ci fermeremo qui“, suggerendo che potrebbero essere annunciate ulteriori sanzioni, molto probabilmente se Microsoft non riuscisse a rilevare TikTok.

“Sono incoraggiato dal supporto di tutti i partiti che abbiamo visto in questo organo a ritenere responsabile il Partito Comunista Cinese e che include … ritenere responsabili quelle società che avrebbero semplicemente fatto le offerte cinesi”, 

Molto probabilmente, l’unico modo per rimuovere il divieto dai dispositivi del governo degli Stati Uniti è che Microsoft acquisisca TikTok, a quel punto le preoccupazioni per la sicurezza nazionale non esisterebbero più.

Microsoft afferma che sta attualmente parlando con ByteDance e con il governo degli Stati Uniti sui termini dell’accordo e garantendo che tutti i dati TikTok verranno spostati e archiviati negli Stati Uniti se l’acquisizione è completata. Si prevede che entro la metà del prossimo mese ci siano novità importanti.

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in News

Andrea Puchetti

Appassionato di tecnologia fin dalla nascita. Sempre in giro con mille gadget in tasca e pronto a non farsi sfuggire le novità del momento per poterle raccontare sui canali di Cellulare Magazine.