Crosscall Trekker-X3: Recensione di Cellulare Magazine

Quella del Crosscall Trekker-X3 è una recensione davvero particolare. Una prova unica nel suo genere, per uno smartphone molto diverso dal concetto di telefono cellulare tradizionale. Si tratta di uno smartphone rugged, un dispositivo indistruttibile, pensato appositamente per gli sportivi.
Certo, i cosiddetti smartphone “rugged” non sono una novità nel panorama della telefonia mobile; mancava però un prodotto elitario, dotato non solo di buone caratteristiche di resistenza ma anche di importanti doti multimediali. Insomma, mancava un prodotto performante, con soluzioni tecniche all’avanguardia, che fosse anche bello da vedere, baciato da un design curato nei minimi particolari.

Nasce da queste considerazioni il Trekker-X3, top di gamma di Crosscall, in grado di abbinare prestazioni e multimedialità pensate per gli sportivi, in una corazza super resistente agli agenti atmosferici e non solo. Il Trekker-X3 è infatti appetibile anche dai professionisti, da chi svolge lavori ad alto rischio per se stesso e per il telefono. Non a caso è dotato di tasto SOS intelligente in grado di identificare un’eventuale caduta del cellulare e del suo possessore. Anche la scocca si distingue dalla concorrenza per l’utilizzo di una colorazione più sobria; l’unica concessione sono piccoli particolari in rosso come il tasto di scatto della fotocamera (comodo, ad esempio, se indossate guanti da sci), il bordo del sensore e il gancio sul retro della scocca.

In confezione trovate infatti un “moschettone” per agganciare il telefono ed evitare così di perderlo mentre siete in canoa o in windsurf. Non manca la certificazione IP67 che consente al Trekker-X3 di resistere anche all’acqua e agli sbalzi di temperatura più estremi (range di funzionamento da -30 a +60 gradi). Ma c’è di più: Trekker-X3 è impermeabile anche all’acqua di mare, all’acqua clorata tipica delle piscine e agli oli. Tutte sostanze che nei normali telefoni ossidano i contatti e rovinano le membrane.
La fotocamera, con sensore da 16 Megapixel è pensata per cogliere immagini in movimento grazie a un ottimo stabilizzatore.

L’ultima chicca è rappresentata dalla confezione che si trasforma in un comodo carica batteria a induzione.

 

 

Confezione, design e qualità costruttiva

Design e materiali sono tra i punti di forza di questo smartphone. Il design è sobrio, con piccole finiture rosse ma senza colori sgargianti o eccessivi. La natura sportiva emerge anche da questi dettagli. La scocca è in plastica ultra resistente per proteggerlo da urti e cadute, mentre Sim e memoria sono protetti dall’acqua grazie a un doppio scomparto accessibile solo tramite un’apposita brugola.

Display

Il Trekker-X3 si conferma l’élite degli smartphone rugged. Il display è Full HD (con risoluzione di 1.080×1.920 pixel), per godere di contenuti moderni e gustare in anteprima gli scatti della fotocamera senza perdere dettaglio. In più c’è la protezione Gorilla Glass 4 e la funzionalità Wet Touch per utilizzare lo smartphone anche con le mani bagnate.
Buona nel complesso la visibilità in piena luce solare.

Fotocamera

La vocazione sportiva emerge anche in questo caso. La fotocamera è pensata per immortalare momenti unici e spettacoli naturali. Serviva dunque un sensore di buon livello in grado di fotografare o registrare video anche in movimento. Da qui la scelta di un sensore Sony da 16 Megapixel con apertura 2.0, in grado di registrare video a 1080p a 30 fps con  autofocus e led flash. Alla prova dei fatti i risultati fotografici si sono rivelati ‘solo’ nella norma in condizioni di luminosità buona, mentre hanno mostrato più di una difficoltà quando la luce scarseggia. Promessa mantenuta invece riguardo al tempo di latenza dello scatto, davvero ridotto al minimo. C’è anche una fotocamera da 8 Megapixel sulla parte frontale. Ben personalizzato il menù di scatto.

Batteria

Crosscall Trekker-X3 è dotato di una batteria da 3.500 mAh in grado di assicurare un’autonomia di un giorno e mezzo pieno di utilizzo senza particolari problemi. C’è la ricarica rapida, un plus non da poco su un dispositivo di questa categoria (in grado di ricaricare il 75% dello smartphone in 20 minuti).

Prestazioni

Il processore Snapdragon 617 (un octa-core 1.5 GHz Cortex-A53) non è stato scelto a caso. È stato infatti uno dei primi a supportare la ricarica rapida. Per il resto le prestazioni sono più che soddisfacenti e non abbiamo mai registrato rallentamenti nel corso della nostra prova. Trekker-X3 possiede una ricca dotazione di sensori, utili per chi fa attività all’aria aperta: fra questi il barometro, il termometro, l’igometro e l’altimetro.

 

OFFERTE A TEMPO AMAZON: NON PERDERE L’OCCASIONE

http://amzn.to/2jFHZ9A

Il giudizio di Cellulare Magazine: Crosscall Trekker-X3

Crosscall Trekker-X3 è la “Ferrari” degli smartphone rugged. Un dispositivo pensato da chi fa sport proprio per chi fa sport. Certo, il suo prezzo non è particolarmente economico, ma il dispositivo – pur appartenendo alla specie dei rugged phone – assicura una cura maniacale dei dettagli che lo rende gestibile e ben utilizzabile anche nelle normali situazioni quotidiane. Gli ingombri (155,7×81,8×14,3 mm) e il peso (230 grammi) sono lo scotto che bisogna pagare per mettersi in tasca uno smartphone con le funzioni di un top di gamma, ma in grado di non abbandonarvi nelle più crude avversità.

PRO

  • Ottima cura dei dettagli
  • Ampia dotazione di sensori
  • La confezione si trasforma in base per la ricarica a induzione

CONTRO

  • Prezzo elevato
  • Fotocamera non sempre all’altezza della situazione
  • Ingombrante nell’utilizzo quotidiano

8,010Voto Finale
Crosscall Trekker-X3