ARM

ARM torna a vendere a Huawei la tecnologia dei suoi chipset

Il produttore di chip britannico ARM ha dichiarato che riprenderà a fornire la tecnologia dei suoi chip a Huawei dopo aver interrotto i rapporti commerciali con la società cinese a maggio in seguito al conflitto commerciale USA-Cina.
Il chipmaker ritiene infatti che la sua tecnologia sia di origine britannica e in quanto possa essere fonita a Huawei senza alcuna violazione delle sanzioni statunitensi.
La sussidiaria di Huawei HiSilicon, che progetta i chipset per gli smartphone dell’azienda di Shenzen, utilizza la tecnologia ARM come base per i suoi prodotti.

L’architettura ARM v8-A e la sua prossima generazione non sono di origine americana, ha affermato la società, quindi le restrizioni statunitensi non si applicano.

Dopo un periodo di riflessione per chiarire tutti gli aspetti legali, seguito al bando di Trump, numerose società hanno ripreso a commercializzare i propri prodotti con Huawei: oltre ad ARM, ad esempio, anche Qualcomm ha ristabilito i rapporti commerciali con il produttore cinese.