Facebook Libra

Facebook annuncia Libra, la criptovaluta del futuro

Facebook ha finalmente rivelato i dettagli della sua criptovaluta, Libra. Si tratta di una moneta virtuale che permetterà di comprare oggetti o inviare denaro a persone con tariffe praticamente pari allo zero e integrazione nelle principali piattaforme social come Facebook, WhatsApp e Messenger. Il lancio pubblico è stato fissato nella prima metà del 2020.

L’Associazione dietro a Libra

Facebook non controllerà completamente Libra ma otterrà solo un singolo voto nella sua governance, come altri membri fondatori dell’Associazione tra cui Mastercard, Visa, Uber e Andreessen Horowitz, che hanno investito almeno 10 milioni di dollari ciascuno nel progetto. L’associazione promuoverà Libra e la piattaforma di sviluppo con il proprio linguaggio di programmazione Move oltre alle attività di registrazione per accettare i pagamenti e persino offrire sconti o premi ai clienti.

Mark Zuckerberg ha anche annunciato una società controllata chiamata Calibra che gestirà i criptaggi e proteggerà la privacy degli utenti per non mescolare mai i pagamenti con i dati di Facebook in modo che non possano essere utilizzati per il targeting degli annunci. La vera identità di ognuno di noi non sarà legata alle transazioni visibili pubblicamente.

Facebook/Calibra e altri membri fondatori della Libra Association guadagneranno interessi sui contanti degli utenti tenuti in riserva per mantenere stabile il valore della criptovaluta.

Liobra, l’evoluzione di PayPal

Nelle criptovalute, Facebook ci ha visto sia una minaccia che un’opportunità, mantenendo la promessa di interrompere il modo in cui gli oggetti e i servizi vengono acquistati e venduti eliminando le commissioni di transazione comuni con le carte di credito. Ciò si avvicina pericolosamente al business pubblicitario di Facebook che influenza ciò che viene acquistato e venduto. 

Quindi, a rigor di logica, l’intenzione di Facebook è di evolvere PayPal. 

“Il successo significherà che una persona che lavora all’estero ha un modo semplice e veloce per inviare denaro alla famiglia a casa, e uno studente universitario può pagare l’affitto con la stessa facilità con cui può comprare un caffè” scrive Facebook nella sua documentazione di Libra.