Google

I primi 20 anni di Google

Domani Google compie 20 anni. Era il 4 settembre del 1998 quando la società Google.inc vide la luce. Il suo concepimento, però, non fu breve e improvviso. Al contrario lungo ed elaborato. Richiese ben 3 anni di studio, lavoro, prove e test per gli allora studenti della Stanford University Larry Page e Sergey Brin. Nel 1995 i due avviarono un progetto di ricerca orientato alla comprensione dei modelli matematici e della struttura di link del Web. Che anni dopo avrebbe generato quello che oggi è il motore di ricerca più diffuso e popolare al mondo.

Le origini e gli sviluppi

Partito dal concetto “Don’t be evil” e dal non volere banner, Google nel corso della sua vita ha dovuto fare i conti con la realtà e soprattutto con la pubblicità, attualmente prima fonte delle sue entrate, pari al 99% dei suoi guadagni. Con il risultato che in due decadi è diventato un portento della Rete, il numero uno del Web. Non solo. Ha anche ha lanciato il sistema operativo, Android, più gettonato del Pianeta, toccato la bella cifra di 700 miliardi di dollari di valore di mercato e raggiunto anche quest’anno, per l’ennesima volta, il primo posto nella classifica dei cento marchi più influenti BrandZ Top 100. Instancabile, il re di Mountain View ora sta spingendo sull’Intelligenza Artificiale, cavalcando l’onda del momento e la tendenza del futuro prossimo.

Il retro della medaglia

Nel frattempo, però, non tutto è sempre filato liscio e sereno. A dimostrarlo le polemiche per la privacy affrontate, le maxmulte inflitte dall’Europa, le contestazioni interne dei dipendenti per progetti giudicati non etici e le recenti invettive di Donald Trump. Che comunque non lo stanno frenando, forse merito di quel suo nome che, ispirato al termine googol, fa riferimento a un numero formato da 1 e da 100 zeri. Un numero a quanto pare fortunato, molto fortunato.