Google svela Nexus 5X e Nexus 6P

Al contrario degli scorsi anni, in cui il lancio dei googlefonini era caratterizzato da un curioso silenzio, Big G ha scelto una presentazione in stile Apple (e altri concorrenti) per annunciare i due nuovi Nexus 5X e 6P, due differenti telefoni per due diversi target. Nexus 5X è stato costruito da LG ed è più piccolo grazie ad un display Full-HD da 5,2 pollici. Nexus 6P è invece un vero e proprio phablet con ampio pannello da 5,7 pollici QHD. A caratterizzarli è il sistema operativo a bordo, la massima essenza di Android, giunto alla versione 6.0 Marshmallow e pronto a dimenticare la stravolgente ma complicata versione Lollipop 5/5.1 che ha portato con sé diversi problemi di ottimizzazione e gestione dell’hardware. Tra i due dispositivi, in comune ci sarà il sensore d’impronte digitale, posto per entrambi sulla parte posteriore della scocca e finalmente pronto a dar battaglia al TouchID di Apple nell’ambito dei pagamenti mobile, e il reparto fotografico, da sempre tallone d’Achille dei telefoni targati Google.
Così Nexus ma così diversi
Nessuna personalizzazione proprietaria, nessuna applicazione di terze parti se non le Google Apps. I Nexus sono da sempre telefoni rapidi e dalla buona ottimizzazione software volti a rappresentare al meglio il sistema operativo Android. 5X è il terzo Nexus ad essere prodotto da LG, uno smartphone compatto nonostante i bordi non sia ridotti e con scocca in policarbonato disponibile in tre diverse colorazioni. Nexus 6P invece è un phablet a tutti gli effetti (159,4 x 77,8 x 7,3 mm), pesa 178 grammi ed è costruito interamente d’alluminio con bordi laterali ridotti per favorirne l’impugnatura.
Nexus 5X

YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video


L’atteso successore del Nexus 5 si rinnova ma non stravolge. Il processore a bordo è lo Snapdragon 808, una soluzione a 64-bit dotata di 6 core, realizzata da Qualcomm e già vista sul top di gamma G4. La Ram a bordo è di 2 GB mentre i tagli di memoria sono rispettivamente da 16 e 32 GB. Assicurato il supporto all’USB Type C, manca il supporto alla MicroSD mentre batteria è da 2.700 mAh, al di sotto della media degli attuali top di gamma.
A rinnovarsi profondamente è invece il comparto fotografico, formato da una fotocamera posteriore Sony da 12,3 Megapixel, apertura focale f/2.0 e 1.55 μm per immagini più nitide in condizioni di scarsa luminosità.
Nexus 6P

Dopo un Nexus 6 firmato Motorola sottotono, il nuovo phablet di Huawei in collaborazione con Google prova a fare meglio offrendo un processore Snapdragon 810, 3 GB di Ram e tagli di memoria di 32/64/128 GB non espandibile. La batteria è più ampia, si passa a 3.450 mAh con tre ore e mezza di schermo acceso dichiarati dal produttore, il reparto fotografico è lo stesso del Nexus 5X.

Entrambi i modelli saranno disponibili presso il Play Store ufficiale di Google: Nexus 5X costerà 379 dollari nella versione da 16 GB e 429 in quella da 32 GB, Nexus 6P partirà invece da 499 dollari per la versione da 32 GB per arrivare ai 649 dollari richiesti dal taglio da 128 GB. I pre-ordini inizieranno già oggi negli Stati Uniti, Gran Bretagna, Irlanda e Giappone mentre ci sarà da attendere qualche settimana per l’Italia e gli altri stati.

##BANNER_QUI##

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in Senza categoria

Raffaele Pozzi