Huawei Health Lab

Viaggio nel Huawei Health Lab, dove nascono i wearable più innovativi

A Xi’an, in Cina è stato inaugurato il Huawei Health Lab. Il centro ricerche sarà il cuore dei dispositivi indossabili Huawei di prossima generazione del brand di Shenzhen.

Qui ingegneri e sviluppatori lavoreranno in team alle tecnologie legate allo sport e al benessere, per rendere l’esperienza sportiva scientifica alla portata di tutti.

Le due aree del Huawei Health Lab

Nell’Health Lab ci sono un’area di test per i wearable e una di innovazione per il benessere sportivo.
Nel comparto dedicato ai test sui dispositivi, gli ingegneri hanno messo a punto oltre dieci test di affidabilità dei prodotti, basati su standard rigorosissimi. I wearable di Huawei vengono sottoposti a numerosi test di resistenza e solo quelli che superano gli esami raggiungono i negozi.
I ricercatori simulano scenari di allenamento, raccolgono dati su fitness e benessere ottimizzando di conseguenza gli algoritmi dei software.

I test per realizzare nuove funzioni

I segreti della nascita delle innovazioni scientifiche sono custoditi nel Huawei Health Lab nelle menti di oltre 40 ricercatori, sviluppatori e tester che lavorano insieme nel laboratorio.

Una chiara traccia della loro attività la si può trovare nello sviluppo della modalità Golf Driving Range dello smartwatch Watch GT 2 Pro. Qui il dispositivo di simulazione del golf indoor ha giocato un ruolo fondamentale. Con 20.000 oscillazioni di prova, sono state raccolte oltre 2.500 serie di dati professionali, che gli ingegneri hanno utilizzato per mettere a punto gli algoritmi in modo da garantire che la funzione fornisse la migliore esperienza possibile ai consumatori.

Al fine di acquisire dati sul benessere, come il consumo di ossigeno, la postura, la frequenza cardiaca e le calorie bruciate durante la corsa, i ricercatori hanno progettato un sistema di raccolta dati per la corsa con l’aiuto di un tapis roulant professionale equipaggiato con tecnologia di rilevazione della pressione del piede, maschera cardio-metabolica, fascia cardio, sistema di cattura ottica delle gesture.

Solo nel 2020, i ricercatori hanno raccolto 10.900 ore di dati sulla corsa per una distanza percorsa di circa 105.000 chilometri. Questi dati vengono continuamente verificati e ottimizzati da algoritmi ad hoc per settare le condizioni fisiche da verificare nei dispositivi quando le persone li utilizzano durante gli allenamenti.

Il primo piano del Huawei Health Lab è dedicato ai test di affidabilità che fanno riferimento agli standard nazionali e internazionali nell’utilizzo di apparecchiature meccaniche e software per simulare scenari di utilizzo estremi allo scopo di condurre test di durata sull’hardware e sul software dei prodotti wearable Huawei.

Il futuro è qui

Esistono centinaia di test di affidabilità progettati dal team. Tra questi, un quarto sottopone i prodotti a test di resistenza estrema. Per gli smartwatch e le band Huawei che vengono sottoposti a queste prove, si tratta di un viaggio senza ritorno: se il test fallisce, i prodotti verranno smontati per essere analizzati e inviati alla fabbrica per la distruzione.

Nel HUAWEI Health Lab, le apparecchiature di ricerca non sono l’unico elemento importante: i ricercatori e le loro soluzioni di ricerca innovative sono fondamentali”, ha affermato Rico Zhang, President of Smart Wearable and Health Product Line Huawei Consumer Business Group. “In futuro, Huawei continuerà ad aumentare gli investimenti nel campo dello sport e del benessere e costruirà un altro laboratorio dedicato allo sport a Songshan Lake, Dongguan, che collaborerà strettamente con più di 10 istituti scientifici Huawei già presenti in tutto il mondo, mettendo così a fattore comune le risorse di ricerca e sviluppo. Miriamo inoltre a fornire ai consumatori prodotti per il benessere e il fitness facili da usare, professionali e precisi”, ha concluso Rico Zhang

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in Huawei NewsTaggato

Massimo Morandi

Giornalista, milanese, appassionato di tecnologia, dirige il mensile Cellulare Magazine dal 1998. Ama viaggiare, la buona cucina e il calcio.