Tablet: mercato sempre negativo

Non si arresta la discesa dei tablet. Il mercato mondiale, disegnato ieri dai nuovi dati della società di analisi IDC, continua il suo calo. Nel primo trimestre del 2017, cioé da gennaio a marzo, il trend segna un pesante -8,5% su base annua, con 36,2 milioni di pezzi venduti.

Per i tabet si tratta del decimo mese consecutivo in negativo.

Nella classifica stilata da IDC, i motivi di ottimismo sono davvero pochi. Si salva praticamente solo Huawei, l’unica azienda fra le prime cinque in crescita, in questo caso anche significativa (+31,7% anno su anno). Nel trimestre di riferimento Huawei ha distribuito circa 700.000 dispositivi in più. Grande merito del successo sarebbe da attribuire ai modelli mossi da Windows.

Anche Apple (il cui iPad resta sempre il più amato) va in segno negativo con un decremento del 13%. Samsung, in seconda posizione, perde circa l’1%, Amazon (con 2,2 milioni di tablet venduti), il 2%, Lenovo il 3,8%.

Gli analisti di IDC ritengono che il declino dei tablet abbia due ragioni principali: da una parte una crescita iniziale troppo veloce e poco sostenibile; dall’altra la mancanza di innovazione dei dispositivi di oggi rispetto a quelli delle precendenti generazioni. In pratica, tradotto in soldoni, il consumatore non avrebbe ragione di cambiare oggi un prodotto acquistato nei mesi precedenti, perché non troverebbe un vero valore aggiunto.

Anche la categoria degli “altri” – che racchiude circa il 40% del mercato – non riserva buone sorprese. Il comparto fa segnare -14,7% con 14,4 milioni di unità.

tablet, dati Idc

 

 

 

progressivo spostamento dai tablet tradizionali a quelli con tastiera staccabile.

(Visited 226 times, 1 visits today)