Google: tutte le novità di Android 8.0 Oreo

Oreo, è ufficiale. Così Google ha scelto di identificare in modo “amichevole” la nuova release di Android, ossia Android O. La versione 8.0 del sistema operativo di Big G porta con sé numerosi miglioramenti, a iniziare dall’interfaccia fino alle funzioni più a basso livello riviste e perfezionate. Tanto importanti da portare Google a definire Andrido O (8.0) una piattaforma “open wonder” con tanto di robot verde trasformato in un super eroe con il corpo a forma del celebre biscotto. L’Oreo, per appunto. Per la cronaca, è la seconda volta che l’azienda di Mountain View sceglie un nome di un dolciume, ossia dopo la release 4.4 (K) soprannominata KitKat.

Quasi già disponibile per il download

Il giorno successivo alla presentazione, avvenuta il 21 agosto quasi in concomitanza con l’eclissi di Luna che ha caratterizzato la serata negli Stati Uniti, sono già state pubblicare sul canale per gli sviluppatori le edizioni definitive del sistema operativo da installare sugli smartphone di Google (Nexus e Pixel). In attesa che, nelle prossime settimane, siano rese disponibili via Ota a tutti i possessori dei suddetti modelli. Inoltre, l’azienda conferma che entro fine anno i maggiori brand (sono stati citati Huawei, Nokia, Samsung, Sharp, Htc e Motorola) pubblicheranno gli update per i loro smartphone. Verosimilmente Android 8.0 sarà a bordo di questi dispositivi nei primi mesi del 2018 e, di sicuro, sarà la base della nuova gamma di fascia alta del prossimo anno.

Le funzioni in dettaglio

Passiamo dunque in rassegna le principali novità di Oreo. A iniziare dall’estetica che propone una nuova incarnazione della filosofia Material Design che caratterizza Android da un paio di anni. Quindi le icone sono ancora più stilizzate, le linee sempre più essenziali e tutto l’ambiente guadagna in leggerezza, reattività ed eleganza. Questo dovrebbe garantire anche tempi di risposta superiori rispetto alle versioni precedenti: rispetto all’attuale Android 7.x, garantisce Google, sarà un netto passo in avanti. Secondo i dati diramati dall’azienda, sarà due volte più rapido all’avvio e risulterà più agile la gestione delle app in multitasking e in background.

Inoltre, in questo processo di alleggerimento, saranno resi più semplici e immediati alcuni passaggi. Per esempio, è stata introdotta la funzione di auto-completamento per velocizzare l’immissione di dati personali quali password e credenziali varie. Altra novità è rappresentata dal “picture-in-picture” che permetterà ad Android 8.0 di visualizzare le videochiamate e la riproduzione di video in una finestrella più piccola, posta in basso a destra, “appoggiata” all’app aperta.

Rinnovate le notifiche con i “dot”, ossia dei puntini posti sopra le icone delle app per identificare la presenza di nuove informazioni: basta fare tap sul touchscreen per visualizzarle. Perfezionato anche Instant Apps con una piattaforma alleggerita e più rapida, così da utilizzare porzioni di applicazioni dal browser senza procedere all’effettiva installazione. Immancabile una nuova e più raffinata collezione di emotijis. Sono 60 i nuovi personaggi. Grandi sforzi profusi per migliorare un più efficiente accesso alle risorse dell’Os: l’interfaccia è modificabile nelle icone e nell’aspetto per adattarsi anche a chi ha specifiche necessità.

Infine, Google ha portato a un nuovo livello di sicurezza i criteri di protezione della privacy e del dispositivo e ha ridotto l’impatto della piattaforma sul processore, così da ottimizzare i consumi della batteria.