bollini agcom

Attivazione linea telefonica e internet: come scegliere l’offerta giusta con i bollini AGCOM

L’attivazione di una nuova linea telefonica con internet Adsl o fibra ottica è ormai un’esigenza di tutti. Per sottoscrivere un contratto di linea telefonica con relativa connessione ad internet è necessario rivolgersi a uno dei gestori telefonici presenti sul mercato come Tim, Fastweb, Tiscali, Vodafone, Linkem e comunicare i dati necessari per richiedere l’attivazione: nome, cognome, codice fiscale, indirizzo, recapito telefonico e documento di riconoscimento.

Il canone mensile e il costo di attivazione per il passaggio ad altro gestore o per l’installazione di una nuova linea possono variare in base all’operatore e spesso il consumatore finale entra in confusione perché non sa come scegliere l’offerta giusta.

Cosa sono e come funzionano i bollini Agcom?

E’ quando si legge tra le varie offerte vera fibra ottica, a banda ultra larga o ADSL che cominciano le perplessità. Per facilitare la scelta nell’acquisto tra le numerose e a volte fuorvianti promozioni degli operatori di telefonia, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Agcom ha introdotto i bollini come segni distintivi.

I bollini Agcom sono stati introdotti a fine 2018 e confermati dopo un breve periodo di rodaggio per semplificare la valutazione tecnica delle offerte proposte e scegliere consapevolmente. L’Agcom evidenzia che la “vera fibra” è soltanto quella FTTH o FTTB, ossia quella “costituita esclusivamente da una rete di accesso in fibra, almeno nei collegamenti orizzontali fino all’edificio (FTTB) o fino all’unità immobiliare dell’utente (FTTH)“.

I cinque bollini sono in pratica una guida per una scelta orientata e consapevole anche sotto l’aspetto tecnico quando si vuole attivare o sostituire una linea Adsl classica o con fibra ottica. Gli operatori da ora sono obbligati ad utilizzarli sui materiali promozionali sia online che sulle brochure cartacee in modo che per ogni offerta ci sia un bollino identificativo.

Come orientarsi tra i simboli AGCOM

Il bollino verde con la F di Fibra rappresenta l’opzione tecnologicamente più avanzata cioè una connessione con la vera fibra basata su rete a banda ultra larga di nuova generazione generalmente realizzata con tecnologia FTTH (Fiber-to-the-home). Il Fiber-to-the-home contraddistinto dal simbolo verde F è l’opzione tecnologicamente più avanzata perché assicura una connessione dalla centrale dell’operatore direttamente all’abitazione dell’intestatario della rete telefonica.

Se invece la linea è realizzata con la tecnologia FTTB, cioè Fiber-to-the-building, la linea con la fibra è garantita solo fino al condominio dove è situato l’appartamento dell’utente con una velocità che può arrivare fino a 1 Giga al secondo.

Misto Fibra-Rame e Fibra-Radio: l’evoluzione della classica linea ADSL

Sono i bollini con sfondo giallo e con le lettere FR. Questi simboli identificano le reti a banda ultra larga nate però con la tecnologia della tradizionale linea ADSL. Quando si sceglie di acquistare una promozione con questi segni distintivi si opta per una connessione con fibra ottica che raggiunge nodi centrali che a loro volta propagano il segnale attraverso una rete costruita in rame Misto Fibra-Rame o tramite una stazione radio che trasmette il segnale senza fili Misto Fibra-Radio.

Nel primo caso l’infrastruttura è costruita per arrivare fino alle cosiddette cabinet e per questo viene detta FTTC, Fiber-to-the-cabinet. I cabinet sono quegli armadietti solitamente dislocati in periferia delle città che contengono una serie di circuiti elettronici attraverso i quali vengono trasmessi i segnali di rete.

In questo tipo di connessione la velocità può arrivare fino a 200 Mega al secondo ma è influenzata dalla distanza tra i nodi centrali e l’appartamento cablato. Per chi ha esigenza di una connessione stabile non si consiglia la rete che si basa su infrastruttura mista in fibra e rame in quanto quest’ultimo subisce gli sbalzi climatici che influiscono negativamente sulla connessione rispetto alla fibra ottica.

Il secondo bollino invece indica una rete a banda ultra larga e utilizza una stazione radio come ponte per trasmettere il segnale dal punto di snodo all’abitazione del cliente. Questa è una soluzione utilizzata in zone di campagna o di montagna dove l’accesso alle reti cablate risulta spesso difficoltoso. La velocità può arrivare fino a 100 Mega al secondo ma dipende dalla copertura del segnale.

Radio e Rame, connessioni fino a 20 Megabit al secondo

I bollini su sfondo rosso rappresentati con la lettera R bianca comprendono le tecnologie di rete con cablaggio in rame. Il bollino rosso con la scritta bianca R-Rame si riferisce ad una infrastruttura tecnologica in cui la fibra arriva fino alla centrale della rete locale. Per raggiungere i cabinet e arrivare sino all’abitazione del cliente la rete utilizza il rame e non più la fibra ottica. In pratica è la classica rete ADSL, la cui velocità può arrivare fino a 20 Megabit al secondo, ma dipende dalla distanza tra l’abitazione e la centrale.

Nell’ultimo caso, bollino con la lettera R e scritta Radio si tratta di connessioni radio WiMax alternative alla classica ADSL. Questa infrastruttura si basa su tecnologie FWA (Fixed Wireless Access) e raggiunge le abitazioni degli utenti grazie a una stazione radio che emette un segnale senza fili. La velocità di connessione può arrivare fino a 20 Mega al secondo, la connessione può a volte non essere stabile.