eBay corre ai ripari contro gli annunci-sciacallo. E scrive ai suoi utenti

Dopo le maschernine messe online al prezzo dell’oro o l’Amuchina Gel venduta a 50 euro, casi non proprio sporadici che avevano causato l’intervento della Guardia di Finanza e, di conseguenza, della Procura della Repubblica di Milano che ha aperto un fascicolo contro ignoti, ora i principali siti di vendita online corrono ai ripari.

Dopo Amazon, che aveva inviato una lettera ad alcuni suoi utenti per metterli in guardia dalle speculazioni e dalle operazioni di sciacallaggio, ora è la volta di eBay, che in queste ore si sta rivolgendo ai propri iscritti, nel tentativo di arginare la speculazione innestata dalle paure connesse all’epidemia di Coronavirus. Nella mail si legge:

“Considerando gli sviluppi a livello globale associati al Covid-19 (Coronavirus) e il nostro impegno costante per garantire una piattaforma sicura e affidabile, vorremmo ricordarti le nostre Regole sugli oggetti messi in vendita:

  • Dichiarazioni sanitarie e abuso delle parole chiave: sono proibiti titoli e descrizioni dell’oggetto contenenti dichiarazioni sanitarie, l’uso dei termini “Coronavirus” e “Covid-19”, e l’uso improprio di termini quali “virus” e “epidemia”.
  • Prezzi gonfiati rispetto al valore di mercato: sono proibite le inserzioni che mirano a trarre profitto da tragedie e disastri (come la presente epidemia da Coronavirus). 
  • Leggi e regolamenti: sappiamo che questa è una situazione in continua evoluzione. Suggeriamo ai nostri venditori di consultare sempre le leggi e i regolamenti locali quando mettono in vendita i loro prodotti. Continueremo a monitorare la situazione a livello internazionale e forniremo ulteriori aggiornamenti quando necessario.

eBay richiede a tutti i venditori con inserzioni in corso che offrono mascherine, gel o salviette disinfettanti per mani ecc. di rivedere le proprie inserzioni e assicurarsi che siano conformi alle Regole sugli oggetti messi in vendita di eBay. 

Le attività contrarie alle Regole sugli oggetti messi in vendita possono comportare vari provvedimenti: la chiusura o l’annullamento delle inserzioni in questione, l’esclusione o la penalizzazione di tutte le inserzioni nei risultati di ricerca, la riduzione del punteggio del venditore, restrizioni della facoltà di acquistare o di vendere e la sospensione dell’account”.

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in NewsTaggato

Massimo Morandi

Giornalista, milanese, appassionato di tecnologia, dirige il mensile Cellulare Magazine dal 1998. Ama viaggiare, la buona cucina e il calcio.