Huawei blocco usa

Huawei: i piani per il futuro dopo il blocco USA

A Huawei è stato recentemente vietato di lavorare con aziende americane, il che significa che tecnicamente non è più possibile utilizzare prodotti sviluppati dai suoi partner negli Stati Uniti. Tra questi ci sono Google e Microsoft.

In qualità di secondo produttore al mondo, Huawei non è più in grado di offrire la licenza del sistema operativo di Google per i modelli futuri. Tuttavia, in una dichiarazione per la PA, Huawei afferma che non c’è motivo di preoccuparsi di perdere il supporto per i modelli attualmente sul mercato.

“Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, coprendo quelli che sono stati venduti”, afferma la società. “I prodotti che abbiamo venduto e attualmente in vendita non saranno interessati. Sarai in grado di usarli come faresti normalmente. “

Un sistema operativo proprietario

Mentre il gigante della tecnologia cinese non ha parlato dei modelli futuri, Huawei afferma che gli update di sicurezza di Google continueranno ad arrivare sui modelli esistenti.

La sfida più grande per Huawei è affrontare la mancanza di una licenza per Android sui dispositivi futuri. La società sta attualmente lavorando su un proprio sistema operativo che sostituirà non solo Android ma anche Windows.

Chiamato Hongmeng, questo sistema operativo dovrebbe essere pronto per i clienti cinesi entro la fine dell’anno mentre il lancio internazionale dovrebbe avvenire nel 2020.

E mentre il divieto americano sarebbe più o meno risolto con un sistema operativo sviluppato internamente, Huawei deve ancora raggiungere l’autosufficienza quando si parla di hardware.

Diversi componenti provenienti da aziende con sede negli Stati Uniti non possono più essere utilizzati sui dispositivi e, più recentemente, è emerso che anche l’utilizzo di schede SD potrebbe essere bloccato. Huawei afferma che “l’uso delle schede SD sugli smartphone Huawei non ne risentirà”, anche se, ancora una volta, questo sembra riguardare i modelli esistenti piuttosto che le generazioni future.