IFA 2016

Ifa 2020 chiude i battenti e guarda al 2021 per un’edizione da record

Si chiude oggi la tre giorni dell’IFA 2020 Special Edition, una versione del salone berlinese tenutosi in totale sicurezza solo alla presenza di giornalisti, senza il classico e tradizionale bagno di folla del pubblico.

Due i palcoscenici sui quali si sono alternate le aziende che hanno voluto esserci, nonostante la crisi gobale causata dalla pandemia di Coronavirus.

Tre giorni di keynote, presentazioni e lanci di prodotti svoltisi nel rispetto di rigide regole di salute e sicurezza, accompagnati dalla piattaforma virtuale di IFA, IFA Xtended Space. L’edizione speciale IFA 2020 ha ospitato anche SHIFT Mobility meets IFA NEXT, una piattaforma di innovazione che ha riunito start-up, innovatori e aziende che rappresentano il futuro della mobilità e della vita quotidiana.

Il salone ha visto la partecipazione di LG, BSH, Haier, Honor, Huawei, Miele, Neato, Qualcomm, TCL e molti altri.

L’edizione 2021 sarà quella dei record

E se il presente è ancora avvolto da una buona dose di incertezza, il futuro sembra sorridere a IFA. L’edizione 2021 – che si terrà dal 3 al 7 settembre 2021 -, gode di un forte sostegno da parte del settore. Finora è già stato prenotato oltre il 60% dello spazio espositivo. “Questo è un nuovo record. Mai prima d’ora abbiamo avuto un interesse così forte e così in anticipo rispetto all’inizio della prossima IFA“, ha affermato il direttore esecutivo dell’IFA Jens Heithecke.

Da un lato la voglia delle aziende di ritornare alla normalità; dall’altra la necessità dei produttori di stabilire nuovamente quel contatto fisico con clienti e fornitori che si è perso da mesi, che gli strumenti telematici hanno in qualche modo aiutato a tenere in vita, ma non interamente sostituito. In più, il già annunciato forfait del CES 2021, l’altra grande manifestazione mondiale di elettronica di consumo, potrebbe convincere i brand a viaggiare unicamente in direzione di Berlino.

I visitatori

A causa del pericolo Covid-19 l’organizzazione è stata costretta a imporre limiti molto stretti al numero di partecipanti, ben al di sotto di quelli fissati dalle autorità sanitarie pubbliche tedesche. Eppure, nei suoi tre giorni, l‘edizione speciale IFA 2020 ha consentito a 6.100 partecipanti di incontrarsi, scoprire nuovi prodotti e discutere opportunità e strategie dell’industria della tecnologia.

Dal prossimo anno l’IFA avrà una nuova categoria di prodotti: l’imaging, «che è svolge un ruolo centrale nella tecnologia medica, nella guida autonoma, nella tecnologia AI e in molte altre aree», ha affermato Heithecker.

Tech is Back è stato lo slogan con cui si è riaperta IFA, con un chiaro riferimento al ritorno delle manifestazioni fieristiche. L’augurio è che non si ritorni più indietro.

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in NewsTaggato

Massimo Morandi

Giornalista, milanese, appassionato di tecnologia, dirige il mensile Cellulare Magazine dal 1998. Ama viaggiare, la buona cucina e il calcio.