Whatspp

L’India chiede a WhatsApp di riconsiderare la nuova Privacy Policy

Continua a piovere su WhatsApp, anzi a grandinare. Il servizio di messaggistica di proprietà di Facebook è infatti sottoposto a un fuoco di fila, da quando – qualche giorno fa – ha annunciato un cambio nelle policy di privacy per i suoi utenti.

E dopo aver posticipato l’entrata in vigore dei nuovi precetti dall’8 febbraio al 15 maggio a causa di un battage mediatico fortemente critico, ora è la volta dell’India a criticare aspramente la nuova Informativa sulla privacy.

Il Ministero dell’elettronica e della tecnologia dell’informazione indiana, infatti, ha formalizzato in una lettera dai toni molto decisi la sua contrarietà alle nuove condizioni, sottolineando come “i cambiamenti unilaterali non sono giusti e accettabili“.

Il governo indiano ha ricordato che il Paese ha la più vasta base di utenti a livello globale e la nuova Privacy Policy “solleva gravi preoccupazioni riguardo alle implicazioni per la scelta e l’autonomia dei cittadini indiani”.

Secondo il ministero, i nuovi termini non rispettano adeguatamente i cittadini indiani. La lettera arriva il giorno dopo che l’Alta corte di Delhi ha dichiarato che gli utenti non sono obbligati a utilizzare l’app e possono disinstallarla: utilizzarla è un’azione volontaria che non richiede l’interferenza del tribunale. Il tribunale è addirittura andato oltre, aggiungendo che “anche Google Maps cattura tutti i dati e li memorizza“.

I rappresentanti di WhatsApp e Facebook hanno ribattuto che la causa non ha alcun fondamento. I messaggi di chat private tra familiari e amici sono crittografati e non vengono archiviati da WhatsApp e questa policy non cambierà in base alla nuova Informativa.

Ma è indubbio che il social network di proprietà di Facebook è alle corde un po’ in tutto il mondo e le pesanti critiche che un profondo difetto di comunicazione sta causando si stanno ampliando con il passare dei giorni.

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in NewsTaggato

Massimo Morandi

Giornalista, milanese, appassionato di tecnologia, dirige il mensile Cellulare Magazine dal 1998. Ama viaggiare, la buona cucina e il calcio.