Samsung Galaxy Fold: la recensione di Cellulare Magazine

Non ci sono molti di giri di parole da fare dopo aver testato il Samsung Galaxy Fold. Erano anni che non provavamo quel misto di emozione e curiosità nel provare un nuovo modello di smartphone. E forse questo dispositivo non va neppure chiamato “smartphone”; già, perchè il nuovo Samsung Galaxy Fold apre la strada a un nuovo concetto di dispositivo mobile. Il suo display flessibile ha consentito infatti di realizzare un form factor molto particolare, capace di far convivere due anime: un tablet e uno smartphone nello stesso corpo. Un concentrato di tecnologia e innovazione che possiamo serenamente annoverare tra le pietre miliari del mondo hi-tech. Un doppio display, ben sei fotocamere, un super processore, tanta memoria e un sistema operativo ricco di funzioni portano il primo pieghevole di Samsung nell’Olimpo degli smartphone, probabilmente in un’altra categoria, quella dei fuoriclasse… Tutto perfetto quindi? Non proprio, anzi. Come spesso capita, chi ha il coraggio di innovare si scontra con difetti di gioventù e dettagli da sistemare. Insomma, qualche particolare del nuovo arrivato va oggettivamente rivisto. Proprio il protagonista indiscusso, il display pieghevole, presta il fianco a qualche critica, soprattutto per la discutibile linea che resta in evidenza, in corrispondenza dell’asse di piega e per un rivestimento della sua superficie, dall’effetto antiesteico. Ma, come ripeteremo più volte, siamo al cospetto di una macchina estrema, in tutto, che va amata e compresa, anche nelle sue imperfezioni.
A partire dai 2.050 euro richiesti per entrarne in possesso, un cifra esclusiva per un prodotto esclusivo e rivoluzionario.

SAMSUNG Galaxy Fold...
18 Recensioni

Samsung Galaxy Fold: il design

Bellissimo, unico. Galaxy Fold è un oggetto multiforma, capace di essere un telefono un po’ robusto da chiuso e un meraviglioso tablet da aperto. Questo è reso possibile dalla presenza di due semiscocche, unite da una possente cerniera a scatto, che fanno da culla al display flessibile. Scocca in metallo e dettagli in vetro accrescono la percezione di un prodotto elitario, ma qualche piccolo particolare, presente più che altro nel complesso sistema di cerniere, appare sottotono rispetto alla qualità complessiva. La tacca interna al display, per quanto armonizzata nel design, mortifica l’estetica del dispositivo da aperto. Le abbondanti superfici vetrate e il rivestimento plastico del display tendono a trattenere ditate e polvere con troppa facilità.

Il display

La descrizione del display di Galaxy Fold non può essere relegata a un mero elenco delle sue specifiche tecniche, perchè rappresenta il punto esclamativo dello smartphone, il suo elemento di rivoluzione. Il pannello principale, infatti, è realizzato con una particolare struttura che gli permette di piegarsi su se stesso, mantenendo inalterate le caratteristiche funzionali. I numeri ci parlano di una diagonale da 7,3 pollici con risoluzione 1.536×2.152 pixel e della collaudata tecnologia Super Amoled di Samsung. Molto buona la resa colore, anche se la presenza di un trattamento superficiale del pannello sottrae un poco di brillantezza rispetto ai pari grado della serie S o Note. Bisogna spendere anche qualche parola per il pannello secondario, quello che ci si trova davanti a dispositivo chiuso, perchè, quello che sembra essere un elemento di servizio, quasi trascurabile nella sua utilità, si rivela invece un eccellente alleato nell’utilizzo quotidiano. Sebbene la sua diagonale da 4,6 pollici lo renda fin troppo piccolo rispetto alla superficie frontale del Fold, presto si impara ad apprezzarlo per la sua immediatezza e per la possibilità di usarlo con una sola mano. Molto bene, anche in questo caso, la resa colore e il dettaglio riprodotto.

L’hardware

Per la prima volta un top di gamma Samsung arriva sul nostro mercato, equipaggiato con il processore Qualcomm, in luogo dell’Exynos. La scelta non è nuova, perchè è già una consuetudine ad esempio sui mercati americani; l’abbiamo accolta con particolare piacere, perchè il Soc Snapdragon 855 che muove il Fold è un’unità che si è disitnta per una straordinaria efficacia in ogni circostanza di utilizzo e non fa certo eccezione nel nuovo pieghevole di Samsung. La scheda tecnica è completata anche da 12 GB di memoria Ram e da una poderosa Gpu Adreno 640. Sul lato archiviazione, ci sono ben 512 GB a disposizine dell’utente, che purtroppo non possono esserre estesi con supporti microSD. Sul fronte hardware segnaliamo anche la presenza della eSim che convive comunque con il tradizionale slot per nano Sim.

L’interfaccia One UI

Il software che anima Galaxy Fold è Android 9, su cui si muove la OneUI 1.5 di Samsung, un’interfaccia utente di rara potenza, che personalizza il sistema operativo in modo completo, con l’aggiunta di innumerevoli funzioni. Molto bello il nuovo multitasking, che permette di usare contemporaneamnte molte app sul grande display del Fold. Volete chattare e ascoltare musica, mentre compilate tabelle di lavoro? Con il nuovo pieghevole è un gioco da ragazzi. Particolare cura è stata riservata alla sicurezza dei dati perosnali con Knox, ma non meno importante è la presenza di Samsung Pay che trasforma lo smartphone in uno strumento di pagamento in mobilità.

Fotocamera

Il comparto fotografico è da primo della classe con ben sei ottiche a disposizione. C’è infatti una cam frontale a telefono chiuso e due a telefono aperto, con diferenti focali e ben tre sensori sul dorso dello smartphone: sul retro un’ottica standard da 12 Megapixel, uno zoom 2x da 12 Megapixel e un grandangolare ad 16 Megapixel. In questo caso lo schema ottico è lo stesso visto su S10 Plus e Note 10 Plus e brilla per la presenza di un diaframma meccanico che permette di variare l’apertura da f/1.5 a f/2.4 La fotocamera riesce a traguardare eccellenti scatti, sia con lo zoom 2x che con il grandangolo oltre, naturalmente, alle eccellenti performance del sensore principale, che pur senza essere il migliore in assoluto, gonfia assicura ottime performance anche di notte e in scarse condizioni di luce. Bene anche i video che possono arrivare fino a 4k e a 60 fps.

Audio e ricezione

Voto positivo anche per la parte audio. Il vivavoce è stereofonico e ha un volume piuttosto buono, sia in conversazione sia nella riproduzione di contenuti musicali e video. La capsula auricolare dispone dei decibel necessari ma ogni tanto trasmette qualche eco metallico in conversazione. In ambito telefonico abbiamo apprezzato anche un ottimo livello di ricetrasmissione del segnale radio.

Batteria: Galaxy Fold è ok!

La batteria da 4.380 mAh e uno straordinario lavoro di ottimizzazione consentono di coprire facilmente anche le giornate più impegnative.

I nostri awards…

Samsung Galaxy Fold si aggiudica quattro dei nostri Awards per essersi distinto particolarmente in quattro aree: il display, indiscutibilemente, e parliamo di quello interno pieghevole; il design, pionieristico per un foldable phone; l’hi-tech, per la quantità di soluzioni tecnologicamente evolute e, infine, per il reparto fotografico, da vero top di gamma.

Il giudizio di Cellulare Magazine:
Samsung Galaxy Fold

Non è facile giudicare il nuovo Fold di Samsung. L’effetto wow che si percepisce, rischia di offuscare il giudizio razionale. Il telefono è oggettivamente un piccolo gioiello di tecnologia e ingegnerizzazione. Ma paga lo scotto di essere un pioniere di una nuova era, con qualche imprecisione qua e là. Non ci ha fatto impazzire ad esempio la piega che resta in evidenza a display aperto, qualche dettaglio della cerniera che appare un po’ fragile e anche la necessità di dover spesso alternare l’utilizzo con display aperto e chiuso, prassi obbligatoria per sfruttare al meglio molte funzioni.
Tuttavia, in tutta sincerità, noi abbiamo preferito, e di tanto, le tante novità che il Fold mette a disposizione rispetto ai suoi difetti di gioventù. Tablet e smartphone insieme, con un nuovo ed evoluto multitasking e, perchè no, quel piacere di utilizzare un prodotto a dir poco esclusivo, capace di attirare lo sguardo di chiunque lo osservi. Nell’utilizzo quotidiano si apprezza un elevato livello di produttività personale, grazie a un sapiente mix tra operatività business, social e gamer. Il prezzo è alto: 2.050 euro (che comprendono la presenza delle Galaxy Buds in confezione) sono una cifra importante, ma la quota tecnologica è da fuoriclasse mentre quella emotiva è quasi indescrivibile. Un assaggio di futuro, una nuova strada. Da oggi il mondo degli smartphone non sarà più la stesso.

PRO

  • Display flessibile e un design totalmente nuovo
  • Reparto fotocamera di alto livello
  • Autonomia d’esercizio davvero sorprendente

CONTRO

  • Come tutti i pionieri, anche Galaxy Fold paga pegno a qualche difetto di gioventù e alcuni dettagli stonano con la vocazione Premium dello smartphone, ma sono dettagli

9 Voto Finale