vivo

vivo e Zeiss insieme per la ricerca e lo sviluppo delle fotocamere degli smartphone

vivo e ZEISS hanno annunciato una partnership per promuovere e sviluppare innovazioni nell’ambito della tecnologia del mobile imaging. Il primo “sistema di imaging co-ingegnerizzato vivo ZEISS” sarà presente nella serie X60 di vivo (che dovrebbe essere annunciata il 29 dicembre prossimo).

Nell’ambito dell’accordo di collaborazione, vivo e Zeiss hanno presentato i piani per la creazione del vivo Zeiss Imaging Lab, un programma congiunto di ricerca e sviluppo per gli smartphone di punta dell’azienda cinese. La collaborazione a più livelli è stata progettata per consentire a vivo e a Zeiss, di sfruttare i reciproci punti di forza e di far progredire la tecnologia della fotografia mobile.

vivo ha già diversi centri di ricerca e sviluppo di imaging in tutto il mondo, con più di 700 dipendenti in totale. Ma ora potrà attingere all’esperienza decennale di Zeiss nello sviluppo delle ottiche.

Oltre alla struttura comune di R&D, le aziende lanceranno la campagna “vivo ZEISS Master Photography” per promuovere l’esperienza di co-ingegnerizzazione dell’immagine di vivo ZEISS. La campagna si propone di coinvolgere gli utenti di smartphone vivo e di creare un ecosistema fotografico, oltre a offrire un’esperienza utente piacevole grazie ai contenuti.

Grazie a questa partnership la tecnologia imaging di ZEISS sarà accessibile a tutti i nostri consumatori. Basandosi sulla sinergia e sulla complementarietà delle ottiche tradizionali e delle nuove tecnologie digitali, vivo e ZEISS mirano a sfruttare questa cooperazione strategica come punto di partenza per inaugurare una nuova era di mobile imaging e consentire una maggiore creatività, in modo da promuovere uno sviluppo corretto e a lungo termine dell’intero settore“, ha dichiarato Spark Ni, Senior Vice President e CMO di vivo. 

Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Segui
Postato in NewsTaggato

Massimo Morandi

Giornalista, milanese, appassionato di tecnologia, dirige il mensile Cellulare Magazine dal 1998. Ama viaggiare, la buona cucina e il calcio.