musica 8D

Musica in 8D virale su WhatsApp: così ci si isola tra note, parole e vibrazioni

Nelle ultime ore la musica in 8D si è insinuata su WhatsApp e YouTube, sorprendendoci. Al punto da rimbalzare da una chat all’altra fino a diventare virale. Brani musicali dagli effetti difficili da descrivere a parole ci hanno catapultato in un mondo parallelo. Brevi ma intense, queste tracce sono riuscite a farci uscire di casa, almeno con le sensazioni. Bisogna ascoltarle, rigorasamente con le cuffie, per capire cosa si prova a immergersi nella tecnologia 8D, fino a ieri sconosciuta ai più. La sensazione è nuova ed è soprattutto fisica. Selezioni play e il suono in un secondo entra dentro, passa da destra a sinistra, poi dietro, davanti e ancora a destra. Crea una sensazione circolare. Strana, avvolgente, metafisica, vibra, rimbomba. Dà dipendenza.

No products found.

Ma cos’è questa musica in 8D?

Ma che cos’è questa musica in 8D che in 24 ore è riuscita a fare boom sui social, macinando milioni di visualizzazioni? Non è chiaro. Tutti ne parlano, ma nessuno sa bene di cosa si tratti, come sia composta, su quale tecnologia si basi… da che parte salti fuori, insomma. Mentre c’è chi ascolta, ipnotizzato, e non si fa domande; chi, già addicted, è convinto che d’ora in poi non ascolterà più nient’altro e chi si lancia in previsioni universali tipo “la musica non sarà più la stessa, la musica in 8D è la nuova frontiera del suono“, c’è chi che – come la sottoscritta di sabato mattina alle 8, giorno numero infinito della quarantena – corre su Google alla ricerca disperata di placare la curiosità, di sapere qualcosa in più, di scoprire dove e come recuperare qualche altro brano con cui isolarsi e distrarsi. Ecco. Il punto è che, “googlando” anche con minuziosa cura investigativa, fonti autorevoli o vagamente affidabili che spieghino il fenomeno non si trovano. Addirittura cercando “8D technologies” – per la serie: chissà mai che il mistero sia criptato in inglese – viene fuori un’interessantissima azienda canadese di bike sharing.

#iorestoacasa a suon di musica in 8D

I brani in 8D, stando a quello che si dice e legge nelle descrizioni, intrecciandole tra loro e prendendole con le dovute precauzioni (ultimamente sembrano andare per la maggiore), vanno ascoltati con le cuffie. Imperativo categorico. Indossandole, come una bacchetta magica, trasformano un normale brano, magari già noto e non proprio fresco di lancio, come l’Hallelujah di Cohen, uscito nel 1984, in una versione inedita, quasi extraterrestre. I suoni si allontanano, sembrano provenire da lontano e non più dalle nostre cuffie. I suoni, soprattutto i bassi ma anche le voci, danno l’impressione di poter girare dentro e intorno alla nostra testa, passare sopra le cuffie per poi allontanarsi verso un’altra stanza, dimensione o pianeta. Presi dalla curiosità e dal momento, dagli arresti domiciliari del #iorestoacasa e dalle preoccupazioni fuori di casa, è un’evasione fresca e sicura, un modo per isolarsi per qualche attimo in un mondo sereno e coinvolgente di note, parole ed effetti sonori. E allora poco importa sapere che questa tecnologia 8D non è una magia o una scoperta appena rivelata. Pare che esista da anni. Per qualche ragione sconosciuta è stata rispolverata proprio ora, applicata a una serie di brani, lanciata in rete… e consegnata con un click a domicilio.